A- A+
Cronache

 

knut zoo

Il Wwf sotto inchiesta per traffico di animali sequestrati. Cuccioli venduti agli zoo oppure, se di specie rare o esotiche, come scimmie e tigri, fatti riprodurre per poi vendere i piccoli. E' quanto ipotizza la procura di Grosseto, che sta indagando sull'attività del centro di Semproniano (Grosseto), dove vengono destinati gli animali sequestrati dalle forze dell'ordine.

Gli accertamenti riguardano anche il Wwf. Due gli indagati. I reati ipotizzati sono peculato e truffa: circa un migliaio gli animali su cui sono in corso gli accertamenti. Il centro riceve sovvenzioni dal ministero dell'Ambiente, tramite il Wwf, e dalle province di Siena e Firenze.

L'inchiesta è condotta dalla Forestale di Grosseto. A quanto si apprende sono due i filoni d'inchiesta: uno riguarda gli animali sotto tutela giudiziaria che sarebbero stati venduti agli zoo privati, l'altro si riferisce alle specie rare o esotiche, che sarebbero state fatte accoppiare per poi vendere i piccoli.

La Forestale ha sequestrato atti al centro di Semproniano e alla direzione nazionale del Wwf, a Roma. Il pm sta anche cercando di appurare se, quando gli animali morivano, i decessi venivano segnalati o se, in alcuni casi, siano stati nascosti per continuare a incassare le sovvenzioni.

Il WWF respinge tutte le accuse e in una nota si dice "sereno rispetto alle ispezioni operate dal Corpo Forestale dello Stato presso il Centro di Semproniano e la sede nazionale di Roma, che si sono svolte in questi giorni in un clima di totale collaborazione che da sempre contraddistingue i rapporti tra il CFS ed il WWF. Il WWF e i collaboratori del Centro di Recupero, hanno sempre operato nella massima trasparenza, informando le Autorità competenti e, nello stesso spirito, si sono messi a completa disposizione della Magistratura, confidando nel suo operato.

Al tempo stesso il WWF non sottovaluta l’episodio di denuncia, che dalla stampa risulta essere anonima, e che ad avviso dell’Associazione va letto alla luce del ruolo che questo Centro e l’intero WWF svolge da anni come presidio contro il traffico illegale e bracconaggio di animali selvatici ed esotici. Rispetto a quanto pubblicato da La Nazione il 21 marzo 2013 l’articolo contiene informazioni che ledono l’immagine e la reputazione della nostra Associazione e mortificano decenni di impegno di professionisti e volontari. Il WWF conferma che il Centro esiste grazie all’impegno dell’Associazione e al lavoro anche volontario che garantiscono il benessere degli animali e la completa gestione del Centro, il quale è stato messo a disposizione del Ministero dell’Ambiente, per accogliere gli animali esotici sequestrati, e delle Province di Grosseto e Siena per gli animali selvatici in difficoltà. E’ per tali finalità che sono state stipulate apposite convenzioni con il Ministero dell’Ambiente e le suddette Amministrazioni Provinciali. E’ proprio grazie al Centro di Semproniano, e ad altre strutture presenti nel territorio italiano, che il WWF combatte da oltre 30 anni, anche nell’ambito dell’attività degli uffici internazionali dedicati, un giro illegale di affari miliardario che colpisce specie a rischio di estinzione collaborando con autorevoli organismi internazionali di conservazione. Nell’impegno incessante di contrasto dell’illegalità ambientale, sia al livello nazionale che internazionale, il WWF ha da sempre messo in conto il rischio di attacchi strumentali e pretestuosi tentativi di screditamento e sabotaggio delle sue attività. Tentativi che proprio nel territorio toscano si sono già verificati a danno di alcune guardie volontarie del WWF, completamente assolte fino in giudizio. La nostra Associazione valuterà la sussistenza degli elementi che possano integrare il reato di rivelazione di segreto istruttorio, non mancando in tal caso di proporre apposita denuncia nei confronti di tutti coloro che fossero responsabili di tale evento".

Tags:
wwfanimali sequestratimaltrattamenti
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.