A- A+
Cronache
Appalti, le mani della 'ndrangheta sulla Tav

La rete delle infiltrazioni mafiose negli appalti in Piemonte e' stata scoperta e smantellata dai carabinieri del Ros che hanno arrestato 20 persone tra Torino, Milano, Genova e Catanzaro. Gli arresti sono stati compiuti a conclusione di un'inchiesta della procura distrettuale antimafia del capoluogo piemontese per associazione di tipo mafioso, estorsione, usura e traffico illecito di rifiuti. Disposto anche un decreto di sequestro preventivo di societa' e beni per un valore complessivo di 15 milioni di euro.

Al centro delle indagini, un sodalizio di matrice 'ndranghetista, proiezione in Piemonte della cosca "Greco" di San Mauro Marchesato (Crotone). Gli investigatori, in particolare, hanno documentato le "diffuse infiltrazioni della cosca crotonese nel tessuto economico e imprenditoriale della provincia di Torino, in particolare nel settore degli appalti pubblici, compresi quelli della Tav".

Tags:
ndranghetaappalti
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.