A- A+
Cronache
Arrestato per spaccio, nel 1985 Diego Maradona giocò per lui ad Acerra - VIDEO

Dall'abbraccio con Maradona all'arresto per spaccio



È stato arrestato a Bellaria Igea Marina il 38enne Luca Quarto, colto in flagranza durante lo spaccio di cocaina. Il suo nome non è nuovo alle cronache: quando era bambino, venne operato al palato in una clinica Svizzera, grazie ai soldi raccolti dalla storica amichevole che il Napoli di Maradona giocò proprio nel campetto di Acerra.

Era il 18 novembre del 1985 e il mitico Diego, con tutti i suoi compagni di squadra, accettò di giocare in mezzo al fango e alle macchine parcheggiate per aiutare una famiglia in difficoltà.

 

 

Difficoltà che però sono proseguite nel tempo. Il padre Gennaro è stato ammazzato in un agguato di camorra, quindi Luca e la madre si sono trasferiti a Rimini e lui prendeva il reddito di cittadinanza. Il sostegno ora è stato sospeso, in quanto si trova ai domiciliari in attesa di processo, che si svolgerà il 24 ottobre.

Vent’anni fa Luca aveva incontrato Diego Armando Maradona nel corso della celebre trasmissione televisiva “C’è posta per te”.

 

 

 

 
Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    arrestato spacciatorediego armando maradonanapolinapoli amichevole acerraspaccio droga
    Iscriviti al nostro canale WhatsApp





    in evidenza
    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

    De Filippi furiosa in tv

    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

    
    in vetrina
    Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

    Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo





    motori
    Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

    Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.