A- A+
Cronache
Autovelox, saltano migliaia di multe: la Cassazione fa tremare i comuni
Multe e Ingiunzioni

Autovelox non omologati, migliaia di multe pronte a saltare: l'ordinanza della Cassazione fa tremare i comuni

Migliaia di multe (anche piuttosto salate) per eccesso di velocità potrebbero essere annullate, con buona pace per le casse dei Comuni. Il motivo? Un’ordinanza della Corte di Cassazione, la 10505/2024, che una volta per tutte sancisce che l’approvazione di un autovelox non equivale alla sua “omologazione”.

SCARICA E LEGGI L'ORDINANZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE

Il caso di specie riguarda un avvocato trevigiano multato in tangenziale perché viaggiava a 97 chilometri all’ora su un tratto di strada dove il limite è 90. L’uomo ha vinto il ricorso in Cassazione presentato dal comune di Treviso perchè la rilevazione era stata effettuata da un apparecchio “approvato” ma non “omologato”, così come non lo sono altre migliaia di autovelox sulle strade della Penisola. Il tribunale aveva giudicato la violazione nulla in primo grado e la Cassazione ha confermato che la decisione presa rispetta le norme e i metodi descritti nel codice della strada.

LEGGI ANCHE: Codice strada, il governo alleggerisce le multe. Ecco la regola del 61° giorno

Ecco che, allora, le multe per eccesso di velocità rilevate sulle strade italiane attraverso apparecchiature uguali a quelle adottate dal Comune di Treviso sulla strada regionale n.53, meglio nota come "Tangenziale", potrebbero essere annullate.

Le motivazioni della Suprema Corte risiedono nel fatto che le apparecchiature sarebbero state autorizzate dal ministero delle Infrastrutture ma non sottoposte dallo stesso Governo ad una verifica tecnica più puntuale necessaria alla loro omologazione. Vi sarebbe in sostanza un vuoto normativo che, in assenza di correzioni, metterebbe al riparo d'ora in poi da conseguenze pecuniarie gli automobilisti colti dagli autovelox per ora giudicati non regolamentari. Per quanto riguarda le finanze pubbliche del Veneto, mediamente le sanzioni per violazioni al codice della strada valgono circa 50 milioni l'anno e sono per un terzo addebitabili al superamento dei limiti di velocità riscontrato dalle apparecchiature elettroniche. La quota normalmente riscossa dal Comune di Treviso sarebbe di poco inferiore ai 4 milioni.

Certamente è presto perchè migliaia di automobilisti possano strappare le multe ricevute, ma è altrettanto vero che i comuni italiani sono spaventati dalla prospettiva che le sanzioni fatte con gli autovelox vengano tutte annullate perché le macchinette utilizzate per rilevare la velocità delle auto non sono mai state "omologate". Il problema è della massima urgenza come ha spiegato il sindaco di Treviso, Mario Conte, al vicepremier e titolare delle Infrastrutture, Matteo Salvini. Nel frattempo, però, comitati e associazioni di categoria festeggiano.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

Annuncio col giallo

Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi


in vetrina
Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani

Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani





motori
FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.