A- A+
Cronache
Baby squillo, il cliente figlio del parlamentare è un avvocato 35enne
LEGGI L'INTERVISTA A DONATO BRUNO

Non solo Mr Mussolini. Nell'inchiesta sulle baby squillo spunta un altro nome importante. Qualche giorno fa si era parlato del figlio del parlamentare di centrodestra finito nell’inchiesta sulla prostituzione minorile di Roma.  Ora emergono nuovi dettagli sulla sua identità. Come scrive il Corriere della Sera, si chiama Nicola Bruno, ha 35 anni, fa l’avvocato ed è sposato da poco. È accusato di aver avuto incontri sessuali a pagamento con Aurora e Azzurra (14 e 15 anni) in un appartamento dei Parioli. Lo accusano di sfruttamento e gli contestano di essere stato più volte in quella casa.

Il padre è Donato Bruno, anche lui avvocato, onorevole di Forza Italia, che in passato ha guidato la Giunta delle elezioni e la Giunta del regolamento della Camera ed è ritenuto uno dei "falchi" del partito di Silvio Berlusconi.

Sono state le intercettazioni a indirizzare le indagini su Nicola Bruno. Nel settembre scorso, dopo la denuncia della madre di Aurora, il cellulare della ragazzina è stato messo sotto controllo per individuare sfruttatori e clienti. Le forze dell'ordine hanno già un lungo elenco di numeri telefonici e di messaggi "whatsapp"  consegnato dalla signora, ma dovevano effettuare controlli diretti. Le indagini dei carabinieri del Nucleo investigativo si concentrano sugli uomini che entrano ed escono da quel palazzo di viale Parioli, sulle conversazioni, sugli appuntamenti. E tra i "contatti" frequenti viene individuato anche il telefono del giovane legale. Vengono disposte ulteriori verifiche, raccolti quegli elementi che i magistrati hanno definito "incontrovertibili". Quando il quadro degli accertamenti è completato si decide di iscrivere il suo nome nel registro degli indagati insieme a quello di altre 20 persone. Alcuni, come Mauro Floriani - il marito dell’onorevole Alessandra Mussolini - decidono di presentarsi spontaneamente in Procura. Altri vengono invece convocati. Bruno dovrebbe essere interrogato nei prossimi giorni.

Mussolini non lascia Floriani - "Mauro resta pur sempre il padre dei miei figli e non è vero che l'ho cacciata di casa". Dopo la disperazione iniziale Alessandra Mussolini sembra voler provare a ricucire lo strappo con il marito dopo la vicenda delle baby squillo. Ma in realtà potrebbe lasciarlo definitivamente tra un paio di mesi...

Alessandra Mussolini, in un articolo di Giulia Cerasoli in edicola sul settimanale "Chi", rende chiaro per la prima volta il suo pensiero: "Mauro resta pur sempre il padre dei miei figli e non è vero che l’ho cacciato di casa...". Secondo Chi la Mussolini "per adesso, mamma e moglie tradita, pensa ai figli e a non destabilizzarli troppo, in attesa che la situazione si chiarisca. Poi, quando sarà il momento, penserà a se stessa e a che cosa sarà meglio decidere per lei e per la sua coscienza". E non è escluso che passata la prima tempesta possa prendere decisioni definitive...

 

Tags:
mussolinibaby squillo
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.