A- A+
Cronache

La sedicenne coinvolta nello scandalo delle baby prostitute dei Parioli è stata iscritta nel registro degli indagati. E’ quanto emerge dall’ordinanza del Gip. La ragazza è indagata  "per aver indotto alla prostituzione la sua amica", oggi quindicenne. Il coinvolgimento della sedicenne emerge dall'ordinanza di custodia eseguita oggi nei confronti del pusher Mirko Ienni e di un imprenditore, coinvolti nell'inchiesta.

Nell'inchiesta della procura di Roma sulle baby-prostitute spunta anche la droga. I carabinieri del nucleo investigativo hanno arrestato i due pusher che avrebbero fornito sostanze stupefacenti alle due studentesse. Erano state le stesse liceali ad ammettere agli investigatori di aver fatto uso di cocaina con i loro clienti e di averla ceduta, in alcuni casi, a coetanei. Nei guai e' nuovamente finito Mirko Ieni, gia' arrestato nei giorni scorsi assieme alla mamma di una delle due baby-squillo, a un cliente e a tre organizzatori del 'giro'.

Tags:
baby squillosedicenneindagataprostituzione
in evidenza
Nargi, che sirena al tramonto L'ex velina infiamma Instagram

Un'estate bollente- FOTO

Nargi, che sirena al tramonto
L'ex velina infiamma Instagram


in vetrina
LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici

LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.