A- A+
Cronache
Bambino morto di otite: padre, madre e omeopata indagati per omicidio colposo

Cagli (Pesaro). La morte del piccolo Francesco Bonifazi, deceduto a neanche sette anni per una semplice otite curata con l'omeopatia, ha avuto - come previsto - seri strascichi giudiziari. Avviso di garanzia pervenuto dunque al medico omeopata Massimiliano Mecozzi, che ha ricevuto anche la visita dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Pesaro, i quali hanno proceduto a perquisire l'appartamento e a sequestrare computer, telefoni, ricettari, farmaci. Mecozzi, ex adepto della setta religiosa Roveto Ardente, aveva abbandonato qualche anno fa la professione di medico per abbracciare la professione di facchino, tornando poi - purtroppo, c'è da dire - a indossare il camice bianco. 

L'avviso di garanzia è arrivato anche al papà e alla mamma del piccolo, Marco Bonifazi e Maristella Olivieri, commercianti. I due, consigliati dal Mecozzi, avrebbero cercato di debellare l'otite del piccolo con rimedi omeopatici senza somministrargli gli antibiotici necessari, per poi, quando ormai era troppo tardi, portare il bambino con la febbre molto alta all’ospedale di Urbino e di lì a quello pediatrico Salesi di Ancona. Dove purtroppo Francesco è deceduto dopo un intervento chirurgico in extremis. 

Il paese è sconvolto, Maurizio Olivieri, il nonno del piccolo, minaccia una denuncia per il dottor Mecozzi - che, stando alle dichiarazioni dei genitori avrebbe curato Francesco altre volte, senza alcuna complicazione - e del piccolo resta la foto sul profilo facebook del padre Marco (profilo la cui privacy è stata ristretta nel corso della giornata), fra i tanti post dedicati al m5s, di cui Marco Bonifazi era simpatizzante e attivista, alle scie chimiche, ai terremoti usati come armi dai governi, ai presunti complotti delle case farmaceutiche, video di Alessandro Di Battista, condivisioni dal blog di Beppe Grillo, e così via. Onnipresenti i post di un amico del Bonifazi, fissato con le scie chimiche e antivaccinista convinto. Contenuti che, alla luce dei fatti, oggi acquistano connotati inquietanti. 

Intanto si attende l'esito dell'autopsia, mentre la Procura dichiara che gli avvisi di garanzia sono un "atto dovuto" che permette agli indagati di nominare dei propri consulenti. La posizione dei genitori, ai quali i Militari dell'Arma hanno proceduto a sequestrare telefoni e computer, è inoltre sottoposta all'esame del Tribunale di Ancona, in relazione ai figli minori dei due. Uno spiraglio di luce in questo tenebroso affare: il piccolo Francesco, nella sua sfortuna, ha già salvato tre bambini grazie all'espianto di reni e fegato. Unica consolazione di questa incredibile vicenda su cui si spera venga scoperta al più presto tutta la verità. 

sciechimichebonifazi
Schermata 2017 05 29 alle 11.29.46
Schermata 2017 05 29 alle 10.48.42
Schermata 2017 05 29 alle 14.12.59
 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
bambino morto di otitecaglifrancesco bonifazimarco bonifazimaristella olivieri bonifazimaurizio olivierimassimiliano mecozzim5someopatiascie chimicheantivaxvaccinisettaroveto ardentealessandro di battistabeppe grilloluigi di maio
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"





casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.