A- A+
Cronache

Adesso per favore, qualcuno vada ad informare i genitori di Beatrice, che da ora in poi, oltre ad avere un dolore che spacca l'anima, dovranno combattere per avere un minimo di giustizia sempre ammesso che ci riescano. Ditegli anche che dovranno sentirsi colpevoli per osare pretendere quella pena che è riabilitativa per chi ha commesso il reato e terapeutica per noi Vittime , e che si sentiranno delle bestie feroci e spietate per non avere un minimo di compassione per quel poveretto che l'ha ammazzata così senza volerlo.. Pensate un po', era talmente in stato confusionale e addolorato che la prima cosa che ha fatto è quella di aver nascosto per una settimana la vettura, poi, divorato dai rimorsi è andato a confidarsi dall'Imam e si è consegnato alla polizia. E noi cattivi e diffidenti che abbiamo subito pensato a male, ed abbiamo creduto che il poveretto avesse voluto far sparire eventuali tracce di alcol e droga.

Ma tranquillo signor magrebino, non le accadrà nulla. Non accade mai nulla a chi commette “l’OMICIDIO PERFETTO”, a chi, noncurante delle regole, recide la vita altrui. La storia è sempre la stessa e la conosciamo perfettamente… mai un giorno di galera, è omicidio colposo, cosa volete che sia mai? Di cosa ha paura? In fondo la colpa è tutta di Beatrice. Che ci faceva quella ragazza in bicicletta? Ma dico, perché doveva passare proprio di là, sulla strada che stava percorrendo quell’inconsapevole persona? Poi, per favore spiegate ai genitori di Beatrice che dovranno combattere con le assicurazioni, con coloro che difendono Caino e con l’On.Pannella che è in sciopero della sete, perché vuole amnistia e indulto e carceri aperte e perché no, una stretta di mano ed una medaglia al valor civile per chi delinque.- Ma innanzi tutto ditegli che la lotta più ardua, oltre a dover sopravvivere alla propria figlia, è quella che dovranno intraprendere con tanti benpensanti che sono e restano fermamente contrari all'introduzione del reato di omicidio stradale. Evviva il nostro bel paese... Dei balocchi, dei falsi garantisti e dei BUONI SI’, MA SOLO SULLA PELLE DEGLI ALTRI…

Elisabetta Cipollone,
mamma di Andrea De Nando,
morto ammazzato il 29/01/2011 a Peschiera Borromeo (Mi)

Tags:
mortabeatriceomicidio
in evidenza
Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

Savelletri, Torre Canne e...

Vacanza da sogno per i Ferragnez
In Puglia tra masserie di lusso

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.