A- A+
Cronache
Blitz antimafia in Puglia: criminali sui social e gli interrogatori. Esclusivo
Auto dei Carabinieri

Blitz antimafia in Puglia: criminalità 3.0 tra social e redenzione

Aspetta! Voglio dirti quello che sento, farti morire nello stesso momento bastardo…” accompagnato dal messaggio “questo è per il magistrato che ha rigettato il permesso di Pasqua a mio marito” e dagli hashtag #marito #detenuto #rigetto: è uno dei tanti video postati su TikTok da Marina Raffaella Guarini (@marinagua80), moglie di Francesco Turrisi alias “Ciccio” detenuto nel carcere di Lecce e, oggi, tra i 22 arrestati nel blitz antimafia in Puglia del 18 luglio che ha fermato l’ascesa dello spietato e violento boss Gianluca Lamendola, nipote del sanguinario Carlo Cantanna, frangia dei mesagnesi della Sacra corona unita.

LEGGI ANCHE: Blitz contro la mafia pugliese, fermata l'ascesa del boss Lamendola. Esclusivo

Lo scacco, messo a segno dal Nor della compagnia di San Vito dei Normanni, che ha visto coinvolte tutte e sei le province pugliesi con 22 arrestati per associazione mafiosa, tentato omicidio, estorsione e altri reati e 39 indagati, racconta anche i nuovi linguaggi della criminalità organizzata sui social e conferma la capacità delle mafie di reinventarsi continuamente in base alle esigenze del presente. E di progredire, man mano che il digitale prende la scena facendo cadere i confini tra il reale e il virtuale, diventando, il social, luogo di sponsorizzazione e comunicazione con gli affiliati e nemici da sostenere o colpire.

Come fa Savio Di Gioia (@ansia087) che posta un video su TikTok con una musica in sottofondo e la frase “Da quando ero carcerato mi hanno voltato tutti le spalle, grazie a loro ho capito che non cambia nulla! Hanno tutti la stessa faccia del culo” che, secondo i carabinieri che hanno condotto le indagini, si è trattata di una denuncia pubblica del tradimento del gruppo di Sanvitesi affiliati a Ciccio Turrisi, ora transitati sotto il boss Lamendola.

E non solo, perché con l’arrivo di TikTok è stato messo tutto in diretta come un Grande fratello mafioso: fanno vedere le case, le famiglie, la vita agli arresti domiciliari, i colloqui in carcere.

Come Marina Guarini che, oltre a postare le video chiamate col marito Ciccio in carcere, simula di farsi portavoce delle disposizioni che le vengono impartite, con l’espressione “quando mi telefona dal carcere e dice: prendi carta e penna” e con l’accento napoletano dice “ma che ti sei messo in testa, paga a questo, paga a quello, regali qua e là e adesso che cos’è questa storia?”, come sempre video accompagnati dagli hashtag #marito# detenuto #carcere. Insomma, alla Mimina Biondi moglie di Pino Rogoli.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
blitzcriminalitàinterrogatorimafiapugliasocial
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro

Con lui anche Ermotti, figlio dell'ad di Ubs

Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro


in vetrina
Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni

Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni





motori
Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.