A- A+
Cronache
La Buona Scuola? No grazie, la vogliamo Giusta



Di Ernesto Vergani
 

In un Paese sostanzialmente catto-comunista come l'Italia, lo scontro sulla riforma della scuola si sta impantanando in vecchi preconcetti. Mancano premesse programmatiche e linee di indirizzo forti. Senza le quali gli aspetti innovativi e in alcuni casi iper-innovativi del provvedimento del Governo presieduto da Matteo Renzi rischiano di rimanere superficiali.

In attesa del voto finale della settimana prossima alla Camera, tutto si gioca sul filo dell'ambiguità.  Affermare come fa il presidente del Consiglio "Sì al dialogo e no al boicottaggio", sintetizzando il tutto col concetto di "buona scuola", significa andare al braccio di ferro.
E' lo Stato che si fa carico della scuola che forma i suoi cittadini. Si guardi al modello tedesco che indirizza e seleziona gli studenti nel percorso di studi. La prova che la scuola pubblica tedesca funziona è che i ricchi che temono che i propri figli non ce la facciano, li mandano alla scuola privata. Ma ovvio pure ci sono tedeschi che optano per la scuola privata per scelta. (Anche sulla riforma della scuola il Governo Renzi non spiega se anche solo in parte, se e a quali modelli esteri si ispiri).

La frase ricorrente tra gli stakeholder (genitori, insegnanti, politici, studenti, sindacati) è: "La scuola è di tutti". In realtà la scuola è dello Stato. L'ex presidente della Camera ed ex Pci Stefano Rodotà ha affermato al talk show "Ballarò" che non bisogna dare un euro alla scuola privata se prima quella pubblica non sia perfettamente efficiente.

Le scuole private - che hanno tutto il diritto di esistere in una democrazia dove ciascuno è libero di avere le proprie idee e quindi di frequentare la scuola che vuole - sono in molti casi migliori di quelle pubbliche. Dall'altra parte in altri casi è vero il contrario.
Si guardi ai Paesi anglosassoni dove le scuole e le università formano menti tra le migliori che portano crescita e benessere a tutto il Paese. Non si dimentichi che un alunno della scuola privata non pesa sulle casse dello Stato e fa risparmiare migliaia di euro.

La scuola pubblica si migliora introducendo criteri manageriale e aumentando lo stipendio agli insegnanti che se lo meritano. I ragazzi di oggi, i nativi digitali, ragionano diversamente dai loro padri e necessitano di nuovi strumenti. Ben vengano tanti contenuti della riforma della scuola del Governo.

Il nemico è il buonismo: "Siamo tutti uguali e tutti -  potenzialmente - bravi allo stesso modo".  Sbagliato. Le persone non sono uguali. Senza questa consapevolezza, la parola "merito" è usata in modo ipocrita.

La scuola giusta è quella che chiede moltissimo, che seleziona i migliori. Tanti politici della Prima Repubblica erano figli di persone con diploma di scuola elementare. La scuola chiedeva moltissimo e i migliori di essi assursero ad alto rango.
Se si abbassa l'asticella della difficoltà, come si è iniziato a fare in modo sistematico a partire dagli inizi degli anni 2000 con Luigi Berlinguer, ministro prima dell'Istruzione e poi dell'Università, solo chi nasce in una famiglia fortunata sotto l'aspetto culturale ed economico raggiunge l'eccellenza.

In particolare nelle scuole primarie dove i bambini africani, arabi e cinesi spesso sono persino il doppio degli italiani, i genitori di questi ultimi hanno il condivisibile dubbio che l'asticella della preparazione - in questa fase storica per l'Italia - sia troppo bassa. Risultato: la scuola buonista di tutti rischia in realtà di essere una scuola discriminante e classista.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
scuolarenziriformagoverno
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore

i più visti
in vetrina
Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"





casa, immobiliare
motori
Jeep, presenta le nuove Renegade e Compass e-Hybrid

Jeep, presenta le nuove Renegade e Compass e-Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.