A- A+
Cronache
Calabria, rapporti clan-politica. "Tallini lusingato dal ritorno elettorale"
Fonte Facebook domenico tallini

C'e' Domenico Tallini, presidente del Consiglio regionale della Calabria, fra le 20 persone arrestate stamane dai carabinieri del comando provinciale di Catanzaro, nell'ambito dell'inchiesta su presunti rapporti fra politici locali e 'ndrangheta. Tallini, esponente di Forza Italia, secondo quanto si apprende, e' agli arresti domiciliari. per concorso esterno in associazione mafuiosa e scambio elettorale.

I carabinieri del comando provinciale di Catanzaro e del comando provinciale di Crotone hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Catanzaro su richiesta della direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 20 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, scambio elettorale politico-mafioso, impiego di denaro, beni o utilita' di provenienza illecita, detenzione illegale di armi, trasferimento fraudolento di valori, tentata estorsione, ricettazione e violenza o minaccia a un pubblico ufficiale.

Il provvedimentoe' scasturito da due attivita' investigative convergenti, sviluppate rispettivamente dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Catanzaro e del Nucleo Investigativo di Crotone, dirette e coordinate dal Procuratore della Repubblica, Nicola Gratteri, dal Procuratore Aggiunto, Vincenzo Capomolla e dai Sostituti Procuratori Paolo Sirleo e Domenico Guarascio. Le indagini hanno riguardato l'operativita' della cosca di 'ndrangheta Grande Aracri di Cutro (KR) nell'area di origine e nel territorio catanzarese, con particolare riferimento alle iniziative imprenditoriali avviate in quest'ultima provincia mediante il reimpiego di capitali della cosca. 

"Gli atti di indagini dimostreranno che Domenico Tallini era ben consapevole dì prestare un rilevante contributo all'associazione criminale e che il lusinghiero 'ritorno' elettorale provenutogli dai luoghi di elezione di quella cosca era riconducibile al patrimonio dì inti1nidazìone che la cosca stessa indubbiamente detiene", si legge nell’ordinanza di custodia cautelare notificata al politico. L’ipotesi di reato dei magistrati guidati da Nicola Gratteri è concorso esterno in associazione mafiosa e scambio elettorale politico mafioso con la cosca Grande Aracri della 'Ndrangheta, gruppo originario di Cutro, provincia di Crotone, ma ramificata in Emilia, Lombardia e Germania.

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    ndranghetaregione calabria
    Loading...
    in evidenza
    Ibrahimovic, 7 partite di stop Zlatan contro Fifa 21. EA replica

    Milan, ecco i match che salterà lo svedese

    Ibrahimovic, 7 partite di stop
    Zlatan contro Fifa 21. EA replica

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5, eliminazione clamorosa ed è pioggia di nomination

    Grande Fratello Vip 5, eliminazione clamorosa ed è pioggia di nomination


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    DS9 E-Tense, inizia la commercializzazione in Italia

    DS9 E-Tense, inizia la commercializzazione in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.