A- A+
Cronache
Camorra: uccisi e bruciati in auto, arresti per nuovo clan Afragola

Un gruppo camorristico particolarmente violento e aggressivo, nato con il placet dei Moccia, ma subito interessato da una scissione interna. E' lo scenario ricostruito dalla Squadra Mobile della Questura di Napoli e dal Nucleo investigativo dei carabinieri partenopeo che ha portato all'emissione di 20 decreti di fermo di pm, 17 dei quali eseguiti a carico della cosca che, dal rione Salicelle di Afragola, ha cominciato a espandersi nei Comuni vicini prima per volontà di Nicola Luongo, il primo a prendere il comando, poi di Mariano Salvato, entrambi arrestati oggi.

Salvato, per far comprendere bene chi comanda, manda anche un 'gruppo di fuoco' davanti all'abitazione di Luongo per sparare proiettili di avvertimento contro le finestre. Una dinamica di aggressione del territorio iniziata a gennaio e che, tra febbraio e marzo, vede anche i cadaveri di sette componenti del gruppo, vittime dell'epurazione interna per il cambio di equilibrio ai comandi, uccisi e bruciati vivi nell'auto tra febbraio e marzo.

Questi omicidi non sono pero' tra i reati contestati ai 17 fermati, che devono rispondere, oltre che di associazione a delinquere di stampo mafioso, soprattutto delle estorsioni capillari e con metodi violenti a imprenditori e commercianti.

Tags:
camorraafragola
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.