A- A+
Cronache
Faida di Scampia, arrestato il boss della camorra Mariano Riccio

La squadra mobile della questura di Napoli, insieme allo Sco e agli agenti del commissariato di Scampia, ha arrestato il boss latitante Mario Riccio, detto Mariano, 21 anni, il piu' giovane nella lista dei trecento latitanti piu' pericolosi d'Italia. Riccio e' uno dei protagonisti della nuova faida di Scampia che vede contrapposti il gruppo della Vanella Grassi con un altro cartello della zona per il controllo delle piazze di spaccio.

Mariano Riccio, latitante dal 2011, e' il genero del boss Cesare Pagano, gia' protagonista della prima faida di Scampia nel 2004, quando sottrasse la gestione del traffico di stupefacenti e dello spaccio in molte 'piazze' al clan Di Lauro. Riccio e' stato arrestato in un appartamento dove si trovava con la compagna.

Tags:
camorramariano riccio
in evidenza
House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

Lady Gaga guida un cast stellare

House of Gucci, guarda il trailer
Jared Leto irriconoscibile. FOTO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.