A- A+
Cronache

Per la Direzione nazionale antimafia si tratta della piu' importante indagine sulle attivita' illegali del clan Contini e sulle operazioni di reinvestimento economico della camorra in attivita' di impresa, non solo a Napoli ma anche tra Roma e Toscana. Novanta le misure cautelari, in prevalenza per affiliati ai Contini, ma soprattutto decreti di sequestri beni emessi dal tribunale di Firenze, dalla Procura antimafia di Napoli e dal tribunale di Roma per un valore complessivo stimato in 250 milioni di euro.

E' un'operazione della Dna, insieme alla Direzione distrettuale antimafia di Roma, di Napoli e di Firenze che ha visto anche la collaborazione della Squadra mobile e del Gico di Napoli, del Comando provinciale dei carabinieri e del centro Dia di Roma e della guardia di finanza di Pisa. "Per il loro particolare rilievo nazionale - si legge in una nota - le attivita' investigative sono state coordinate dalla Procura nazionale antimafia". In corso anche decreti di perquisizione e sequestri funzionali all'accertamento delle infiltrazioni nel tessuto imprenditoriale toscano del clan. Dettagli dell'operazione in una conferenza stampa alle 11:30 alla Direzione nazionale antimafia.

Tags:
camorrapolizia
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.