A- A+
Cronache

 

ikea

L’Ikea ha ritirato le sue polpette di carne anche dalla rete dei suoi negozi in Asia e nei Caraibi, portando a 24 il numero dei paesi coinvolti dal provvedimento, preso in attesa di conoscere test in corso per accertare la presenza di carne di cavallo.

Intanto non il produttore svedese respinge le accuse di contaminazione del prodotto con carne equina. "Su 320 test effettuati nelle ultime tre settimane sul nostro prodotto - ha detto Ulf Dafgaard, amministratore delegato della Dafgaar, la ditta che produce le polpette per conto di Ikea - nessuno ha rilevato la presenza di carne di cavallo".

Oltre a eseguire le analisi in proprio, ha aggiunto Dafgaard, ci siamo rivolti anche a un laboratorio esterno e l'esito non è cambiato. "Continueremo, tuttavia, a sottoporre il prodotto a ulteriori analisi di laboratorio", ha concluso l'imprenditore svedese. Dafgaard ha poi riferito di aver tentato inutilmente di contattare il laboratorio della Repubblica Ceca che ha riferito di aver rilevato tracce di carne equina nelle polpette di Ikea, per avere delle informazioni più dettagliate sui risultati delle analisi svolte.

 

 CARNE CAVALLO: IKEA ITALIA, NO TRACCIA IN POLPETTE ANALIZZATE -Nessuna traccia di carne di cavallo nelle polpette analizzate. Lo scrive Ikea Italia in una nota. "Sono state analizzate 15 buste di polpette provenienti da diversi lotti di fornitura. Tre di queste buste provenivano dallo stesso lotto analizzato nella Repubblica Ceca. In seguito ai risultati delle analisi compiute dalle Autorita' Sanitarie dalla Repubblica Ceca sulle polpette in vendita nei ristoranti dei nostri punti vendita, Ikea - rende noto ancora la societa' - ha immediatamente disposto esami approfonditi sulle polpette servite nei suoi ristoranti anche in Italia, in particolare sui lotti provenienti dallo stesso fornitore di quelle analizzate a Praga".  "I risultati - scrive ancora Ikea Italia nella nota - evidenziano che non e' stata usata carne di cavallo nelle polpette e che quindi quanto dichiarato nella descrizione del prodotto, ossia che l'impasto delle polpette e' costituito solo da carne di manzo e di maiale, corrisponde a quanto i clienti hanno acquistato e consumato. A tutela del rapporto fiduciario con i propri clienti Ikea ha comunque disposto che tutti i clienti che vorranno riportare le polpette acquistate in negozio riceveranno il rimborso". 

Lunedi', l'Istituto veterinario di stato della Repubblica Ceca aveva riferito di aver trovato carne equina nelle polpettine servite nei punti vendita di Ikea e negli hambueger prodotti in Polonia e importati dalla catena alimentare danese Nowaco. A seguito dell'allarme, Ikea aveva disposto di ritirare dai propri punti vendita le polpette di carne in 24 paesi, Polonia, Austria, Ungheria, Repubblica Dominicana, Gran Bretagna, Portogallo, Finlandia, Germania, Italia, Danimarca, Olanda, Belgio, Romania, Slovacchia, Repubblica Ceca, Svezia, Thailandia, Spagna, Bulgaria, Grecia, Hong Kong, Francia, Cipro e Irlanda.

Choc in svizzera: carne di maiale nel kebab- Intanto in Svizzera sono state trovate tracce di carne suina nei kebab. La quantità di carne di maiale riscontrata è minima - si precisa - ma il Consiglio Centrale Islamico della Svizzera che ha commissionato i test si dice comunque "scioccato". Campioni di Kebab erano stati prelevati in nove città da membri del Consiglio centrale islamico della Svizzera ed i test sono stati compiuti da un laboratorio di Berna. In una nota, il Consiglio Centrale islamico afferma di non ritenere che la contaminazione sia stata causata coscientemente da malintenzionati, ma in modo accidentale.

Carne di Cavallo è stata trovata in un campione di "Lasagne all'Emiliana" prelevato da un supermercato a Verona. Si tratta del lotto n. 10213 con scadenza al 30 marzo, prodotte e confezionate dalla ditta EUROCHEF ITALIA s.r.l. di Sommacampagna (VR).

Nuovo caso in Sudafrica- Mentre in Europa dilaga il caso della carne di cavallo mescolata alla carne di manzo, i consumatori del Sudafrica ritrovano nel loro piatto carne di asino, di bufalo e di capra, mescolata ad altri ingredienti. E' quanto ha rilevato uno studio dell'Università di Stellenbosch. Oltre due terzi dei prodotti alimentari a base di carne testati nei laboratori dell'universita' sudafricana contenevano ingredienti non dichiarati.

"Specie animali che non vengono abitualmente impiegati nella catena alimentare, come asini, capre e bufali indiani, sono state ritrovate in un certo numero di prodotti", si legge sul sito dell'universita'. Circa il 68% dei 139 campioni di carne testati e che erano destinati a negozi e macellerie contenevano ingredienti non regolamentari. I test del dna hanno rilevato, in particolare, che la carne di maiale e di pollo viene spesso sostituita con altri tipi di carne.

Tags:
cavalloscandalolasagne
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.