A- A+
Cronache
Scuola Diaz ap

L' avvocato Silvio Romanelli, che difende davanti al tribunale di sorveglianza di Genova Vincenzo Canterini, l'ex capo del reparto mobile di Roma condannato a cinque anni nell'ambito dei fatti della scuola Diaz, ha rimesso il proprio mandato in polemica con le richieste avanzate dalla Procura Generale.

Il pg di Genova, Vito Monetti, nell'udienza di mercoledì al tribunale di sorveglianza aveva presentato una memoria scritta con la richiesta di un "maggior rigore valutativo" nei confronti di quei funzionari di polizia che nell'irruzione alla Diaz durante il G8 del 2001 rivestivano ruoli di comando. Alla luce della memoria del pg, il giudice del tribunale di sorveglianza aveva invitato le parti a valutare la disponibilità ad un "pubblico rincrescimento".

"Potrebbe essere utile che i condannati si dimostrassero dispiaciuti e si assumessero le proprie responsabilità" aveva spiegato mercoledì l'avvocato Piergiovanni Iunca, difensore dell'ex capo della Digos di Genova, Spartaco Mortola. "Questo - aveva aggiunto - potrebbe essere una forma alternativa al risarcimento economico nei confronti del Ministero dell'Interno". L'udienza per Canterini proseguirà adesso con un difensore d'ufficio.

Tags:
diazavvocatocanterini
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.