A- A+
Cronache
Omicidio del catamarano: e' caccia in Italia per De Cristofaro

Sarebbe dovuto rientrare in cella dopo un permesso premio di tre giorni concessogli per Pasqua. Ma Filippo De Cristofaro non ha mai fatto ritorno nel carcere di Porto Azzurro, all'Isola d'Elba, dove stava scontando l'ergastolo per l'omicidio della skipper marchigiana Annarita Curina. Dopo il mancato rientro nel penitenziario, sono iniziate le ricerche e sono estese a tutto il territorio nazionale

Filippo De Cristofaro scontava l'ergastolo nel carcere di Porto Azzurro all'isola d'Elba, ma aveva ottenuto dall'amministrazione penitenziaria la possibilita' di lavorare all'esterno del penitenziario. L'uomo, condannato per l'assassinio della skipper marchigiana Annarita Curina, svolgeva dei lavori di giardinaggio e pulizie a Pianosa, altra isola dell'arcipelago toscano, alloggiando in una struttura collegata al carcere di Porto Azzurro da cui usciva nelle prime ore del mattino per rientrare poi la sera. Proprio a Pianosa, Filippo De Cristofaro doveva rientrare dopo il permesso premio di cui aveva usufruito per Pasqua. Ma qui non ha piu' fatto ritorno.

Tags:
catamaranoomicidiakiller
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
FS, al via le prove tecniche del Frecciarossa 1000 tra Madrid e Barcellona

FS, al via le prove tecniche del Frecciarossa 1000 tra Madrid e Barcellona





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.