A- A+
Cronache
Cd sul parabrezza: ecco come fregare l'autovelox, addio multe. Ma sarà vero?

Il segreto dietro il Cd sul parabrezza della macchina. Il motivo vi lascerà a bocca aperta

Realtà o leggenda metropolitana? Sul web, da anni, circola voce che i Cd (o Compact disc), se messi nel posto giusto in macchina, possono mandare in tilt i sistemi della Polizia Stradale rendendo così impossibile l’arrivo di una multa.

Nel dettaglio, la diceria che circola intorno al magico uso dei Cd sarebbe quella che questi dischi possono riflettere il raggio laser del telelaser, uno dei rilevatori elettronici di velocità utilizzati dalla Polizia Stradale, o di riflettere il flash degli autovelox, impedendo così l’identificazione della vettura e causando addirittura un malfunzionamento all’apparecchio.

Ma non solo la reale efficacia, incerti sono anche i posti giusti dove posizionare il CD. C’è chi lo mette appeso allo specchietto retrovisore, chi sul lunotto posteriore, chi appeso al finestrino.

Con il passare del tempo, in molti hanno cercato di sfruttare il trucchetto del CD mossi da un dubbio che tutto ciò potesse essere vero. E così, semplici privati o addetti ai lavori hanno provato a utilizzare questo stratagemma, ma la risposta è stata uguale per tutti: si tratta di una bufala.

L’autovelox, infatti, riuscirà senza problemi a fare la sua operazione, ovvero di catturare chi infrange la legge, con molta facilità. L’unico modo per non farsi mai “beccare” dagli autovelox è quello di rispettare sempre il Codice della Strada.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cdmacchina
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024





motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.