A- A+
Cronache
Clima, gli ultimi otto anni sono stati i più caldi della storia
Siccità in Valle d'Aosta 

Clima, negli ultimi otto anni le temperature hanno fatto registrare dati record. L'analisi
 

Temperature alte e siccità hanno caratterizzato gli ultimi otto anni. Dal 2015 al 2022, sono stati i più caldi mai registrati, nonostante l'influenza de La Nina negli ultimi tre anni che avrebbe dovuto portare a un raffreddamento del Clima. Lo afferma il rapporto di Copernicus Climate Change Service. La temperatura media dell'anno 2022 lo rende il quinto annno più caldo dall'inizio delle rilevazioni, nel 19 secolo. L'anno appena passato ha visto una serie senza precedenti di disastri naturali, con vittime, probabilmente innescata dai cambiamenti climatici. 

L'America Latina e i Caraibi sono rimasti relativamente indenni da questi record, durante un ciclo dominato principalmente dal fenomeno La Nina nell'Oceano Pacifico, che genera un certo raffreddamento. In Europa, tuttavia, quell'ondata non è arrivata, anzi. I mesi estivi sono stati da record in Gran Bretagna, mentre Francia, Portogallo e Spagna hanno subito gravi siccità. A livello globale, il Pakistan ha subito inondazioni storiche, la Cina centrale e orientale e' stata soggetta a ondate di calore estive, la Nigeria ha subito alluvioni.

La Nina ha causato temperature più fredde del solito nell'Australia orientale e forti precipitazioni. Più a sud, "l'estensione del ghiaccio marino antartico ha raggiunto un minimo storico o quasi". Il febbraio 2022, in particolare, ha visto l'estensione dei ghiacci più precaria "in 44 anni di osservazione satellitare". 

Samantha Burgess, vice capo del C3S ha detto: "Il 2022 è stato un anno di eventi meteorologici estremi dimostrano che stiamo già subendo le devastanti conseguenze del riscaldamento globale". Questi dati "dimostrano chiaramente che per evitare le conseguenze peggiori, la società deve ridurre urgentemente le emissioni di CO2 e adattarsi rapidamente ai cambiamenti climatici", ha aggiunto. Il rapporto conferma le previsioni dell'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) pubblicate a novembre e descritte come una "cronaca del caos climatico" dal Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Nel frattempo, l'attivita' umana continua ad avere un impatto. "La concentrazione di anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera e' aumentata di circa 2,1 parti per milione (ppm), un tasso simile a quello degli ultimi anni", ha spiegato il programma europeo. Le concentrazioni di metano, un gas serra più intenso ma a vita più breve, sono aumentate di "circa 12 parti per miliardo (ppb), "che è superiore alla media ma inferiore ai record degli ultimi due anni", ha aggiunto il testo. Secondo l'Accordo di Parigi del 2015 per combattere i cambiamenti climatici, l'uomo dovrebbe dimezzare le proprie emissioni di gas serra entro il 2050 per mantenere l'aumento della temperatura media a un massimo di 2 C, preferibilmente 1,5 C.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
climasiccitàtemperature
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità

Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità





motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.