A- A+
Cronache
"Con azioni legali infondate e all'estero a rischio la libertà di stampa"
L'Avv.Caterina Malavenda (IPA)
Tuttavia il principio è corretto: quando noi giornalisti sbagliamo, è giusto che chi si ritiene danneggiato faccia valere i propri diritti. Quando possiamo parlare, anche se in gergo, di querele “temerarie”?
Ovviamente chi agisce in sede civile o penale esercita un diritto costituzionale. Il problema è il suo abuso: in sede civile viene punito con una sanzione economica, mentre in sede penale no. La lite temeraria è configurabile quando un'azione viene promossa non solo senza alcun fondamento, ma anche sapendo di avere torto. Facciamo un esempio: se querelo un giornalista che mi ha dato del ladro, ma ho subito una condanna definitiva per furto, è chiaro che so di avere torto. O ancora: se querelo un giornalista perché ha scritto che sono indagato, motivandolo col fatto che poi sono stato assolto, so di avere torto, perché la successiva assoluzione non cancella il fatto che io fossi effettivamente indagato. Queste sono cause promosse con dolo o colpa grave. L'abuso di processo è invece un po' meno grave, infatti viene sanzionato meno duramente. Diciamo che si tratta di una figura un po' "borderline" tra un'azione semplicemente infondata e una temeraria

In che senso?
L'abuso di processo si verifica quando intento una causa pur sapendo che, sulla base dei principi giuridici consolidati, non ho ragione. Questa condotta può essere sanzionata anche d'ufficio dal giudice, che può stabilire un'indennità a favore della parte chiamata in causa ingiustamente. Per il riconoscimento della lite temeraria, invece, serve una domanda specifica e motivata, da parte di chi l'ha subita: questa è la differenza fondamentale.

Eppure si dice che le azioni temerarie vengano intentate perché chi le fa non rischia niente, al contrario di chi si deve difendere e comunque spende dei soldi. Alla luce di quello che lei mi sta dicendo, non è proprio così. Sbaglio?
Beh, ci sono dei casi dai contorni piuttosto sfumati e dagli esiti imprevedibili: ad esempio, quando faccio causa a chi, pur raccontando un fatto vero, usa dei termini gratuitamente offensivi. In questo caso, non si può dire che si abusi del processo, perché si può a buona ragione ritenere che sia stato violato uno dei tre criteri che servono per escludere la punibilità della diffamazione: la “continenza” verbale (gli altri due sono la verità del fatto e l’interesse pubblico). Male che vada, posso perdere il processo, perché il giudice ritiene che non sia stato violato il limite della continenza, ma non c'è un abuso. La valutazione sul linguaggio usato, in particolare, è piuttosto soggettiva e può cambiare molto di caso in caso, non ci sono dei principi consolidati: decide il giudice, che mi può dare torto, ma non c'è il rischio che io venga condannato per lite temeraria. Se invece io contesto la veridicità di un fatto, pur sapendo che effettivamente è vero, commetto un abuso

Commenti
    Tags:
    denunce infondate e all'estero: così si mette a rischio la libertà di stampa caterina malavenda
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate

    Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate





    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

    Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.