A- A+
Cronache

La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibile la questione di legittimita', sollevata da due tribunali di sorveglianza, inerente la possibilita' di un rinvio facoltativo dell'esecuzione della pena nel caso in cui la detenzione in carcere, proprio per il drammatico sovraffollamento dei penitenziari italiani, non possa svolgersi nel rispetto dei diritti fondamentali.

La questione era stata sollevata dai tribunali di sorveglianza di Venezia e Milano: con due distinte ordinanze, si avanzavano dubbi di incostituzionalita' dell'articolo 147 del codice penale "nella parte in cui non preveder l'ipotesi di rinvio facoltativo dell'esecuzione della pena quando essa debba svolgersi in condizioni contrarie al senso di umanita'". Secondo i tribunali di sorveglianza, tale mancata previsione sarebbe in contrasto con gli articoli 2 (diritti inviolabili dell'uomo), 3 (principio di uguaglianza), 27 (finalita' rieducativa della pena) e 117 (poteri dello Stato e delle Regioni) della Costituzione, con riferimento anche all'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo che pone il divieto di "trattamenti disumani e degradanti".

Nei ricorsi, in particolare, si poneva l'attenzione sull'inadeguatezza delle celle in cui i detenuti si trovano a vivere: nei due casi approdati davanti alla Corte Costituzionale, non veniva rispettato il parametro minimo dei 3 metri quadrati per detenuto considerato "vitale" in diverse pronunce dalla Corte di Strasburgo. La Corte Costituzionale, dichiarando inammissibili i ricorsi sulla possibilita' di rinviare l'esecuzione della pena nel caso in cui il sovraffollamento carcerario renda impossibili condizioni di vita dignitose per i detenuti, ha ritenuto di "non potersi sostituire al legislatore - si spiega in una nota di Palazzo della Consulta - essendo possibili una pluralita' di soluzioni al grave problema sollevato dai rimettenti, cui lo stesso legislatore dovra' porre rimedio nel piu' breve tempo possibile".

Nel caso di "inerzia legislativa" sul sovraffollamento carcerario, la Corte Costituzionale si riserva, "in un eventuale successivo procedimento, di adottare le necessarie decisioni dirette a far cessare l'esecuzione della pena in condizioni contrarie al senso di umanita'". Lo si legge in una nota diramata da Palazzo della Consulta, nella quale si spiega perche' sono state dichiarate inammissibili le questioni sollevate da due tribunali di sorveglianza.

Tags:
carcericonsultapena
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.