A- A+
Cronache
Costringe il figlio di 14 anni a doparsi. "Così vinci le gare di nuoto"

Sottoponeva il figlio adolescente a pressioni psicologiche, ed erano complimenti solo se vinceva, altrimenti parole dure e maltrattamenti. Poi parenti e compagni di squadra si sono accorti che c'era qualcosa che non andava, e la madre ha deciso di portare il coniuge in tribunale. Come riporta il Gazzettino, il tribunale ha tolto però la patria potestà ad entrambi i genitori e il ragazzino è stato affidato ai servizi sociali.

L'uomo, di Treviso, è stato rinviato a giudizio e, comparso davanti al gip Silvio Maras, ha chiesto di patteggiare la pena di due anni di reclusione. Su questa storia ha voluto spendere una parola anche il premier Matteo Renzi, in visita a una scuola trevigiana appena mercoledì scorso: "Ci penso e ci ripenso", ha scritto il premier nella sua newsletter, "e mi domando cosa possa scattare nella testa di un uomo per arrivare a una simile follia. Distruggere la libertà di un figlio per inseguire un proprio sogno è l'atto di egoismo più grande immaginabile."

Tags:
nuotofiglio
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.