A- A+
Cronache
Covid, Brusaferro: "Noi preparati". FdI: "Commissione d'inchiesta sul Conte 2"
Giovanni Donzelli

Gli esperti rassicurano, ma intanto chiudono gli hub vaccinali. E Donzelli: "Fare chiarezza sul piano pandemico"

“Non abbiamo particolari motivi di allarme o preoccupazione perchè la situazione epidemiologica è piuttosto buona". Lo ha detto a Sky TG24, Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione al ministero alla Salute.   "Sembra - ha aggiunto - che la evoluzione di quella che ormai, diciamo, da noi è una sorta di endemia con delle piccole ondate di entità limitata, sembra essere sotto controllo, questo è chiaro. Sotto le feste dopo può esserci anche una ripresa delle infezioni, lo sappiamo, non parlo solo del Covid ma anche dell'influenza” ha concluso. La stessa cosa che sostiene anche Silvio Brusaferro dell'Istituto superiore di sanità, che in un'intervista al Corriere della Sera dice: "Non c’è ragione di preoccuparsi e di rinunciare a programmi di vacanze. Partite in tranquillità, con un occhio di riguardo per le persone anziane e i fragili che dovrebbero essere protetti con vaccino e uso di mascherina in situazioni di affollamento".

Continua Brusaferro al Corriere della Sera: "Non c’è segnale di nuove varianti capaci di destare timori, al momento. La rete di sorveglianza italiana, collegata a quella internazionale, sta rilevando sottotipi della variante Omicron, che circola in Italia da circa un anno. Niente di nuovo, finora, per noi. La rete funziona stabilmente e rappresenta uno dei principali strumenti di preparazione".

Ma Repubblica è meno ottimista: "Nel Paese che trema per la nuova ondata chiudono gli ultimi grandi hub vaccinali. Dismessi i centri maggiori, come i capannoni di Bologna e Prato. Da 3.000 si passa a 2.300 punti, soprattutto ambulatori L’immunizzazione va a rilento. E manca una campagna efficace per i 12 milioni di anziani e fragili ancora senza quarta dose", scrive il quotidiano. 

Nel frattempo, Giovanni Donzelli, fedelissimo di Giorgia Meloni, spiega in un'intervista a La Stampa la ragione della richiesta di una commissione d'inchiesta sul Covid: "Il parlamento ha il dovere di fare chiarezza su tutto e soprattutto su piano pandemico e le commesse di quei mesi. Dall’opposizione abbiamo chiesto molte volte di vedere i documenti, ma la trasparenza è mancata", in riferimento all'inizio della pandemia e al governo Conte bis. "Il Movimento 5 Stelle, se non ha nulla da nascondere, sono sicuro che vorrà collaborare".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
brusaferrocoviddonzelli
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

Guarda le foto

Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024





motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.