A- A+
Cronache


È stata uccisa a bottigliate Maria Grazia Giummo, 38 anni. Colpita all'addome e al capo. E, ancora una volta, a uccidere sarebbe stato il compagno. È successo a Borgo San Dalmazzo, in provincia di Cuneo. Ad ammazzarla sarebbe stato il convivente, Umberto Pantini , fermato dai carabinieri per omicidio. L'uomo è rimasto ferito durante una colluttazione. I testimoni parlano di un litigio furioso tra i due avvenuto nella villetta a due piani dove vivevano, a circa un chilometro dal paese. Dopo la lite, avvenuta in piena notte, Pantini si è reso conto della gravità delle ferite inferte alla compagna, l'ha caricata in auto e l'ha portata al pronto soccorso di Cuneo, che dista una decina di chilometri da Borgo San Dalmazzo. Ma le ferite subite dalla donna erano troppo gravi per salvarla. L'uomo solo ieri aveva ricevuto un ammonimento dai carabinieri per il suo eccessivo consumo di alcolici. In passato, fermato mentre era alla guida ubriaco, Pantini era anche stato denunciato per aggressione a pubblico ufficiale.

Tags:
cuneo
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Nuova smart #1,il domani è già arrivato

Nuova smart #1,il domani è già arrivato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.