A- A+
Cronache
Denise, accuse a Jessica Pulizzi dall'ex: "Capii che c'era qualcosa di grave"
Denise Pipitone

Denise Pipitone, le dichiarazioni dell'ex di Jessica Pulizzi a Domenica Live lanciano nuovi sospetti. Intanto i legali della Corona non confermano le indiscrezioni sul registro indagati.

Nella puntata di ieri di Domenica Live è stata diffusa la testimonianza di un nuovo testimone chiave nel caso Pipitone, riaperto dalla Procura di Marsala all'inizio del mese. Si tratta dell'ex fidanzato della sorellastra della piccola Denise Pipitone, Jessica Pulizzi, secondo il quale la donna, figlia di Anna Corona, avrebbe avuto un ruolo nel rapimento della bimba, scomparsa a Mazara del Vallo il 1° settembre del 2004. Quarto Grado, la scorsa settimana, aveva rivelato indiscrezioni sul fatto che  Anna Corona sarebbe tornata nel registro degli indagati, insieme a Della Chiave. Ora altri sospetti cadono nuovamente sulla figlia Jessica.

L'ex della Pulizzi ha dichiarato: "Quando ho visto in televisione Piera Maggio più volte a lanciare appelli per ritrovare sua figlia Denise, salvo poi scoprire che il vero padre della bambina era Pietro Pulizzi, ho avuto il sospetto che quest'ultima, Jessica, avesse portato a termine tale efferato fatto. L'uomo ha raccontato che l'ex fidanzata gli disse "che come aveva sofferto lei adesso dovevano soffrire gli altri. Ho insistito per sapere se lei avesse a che fare con la scomparsa di Denise ma lei mi rispondeva in maniera evasiva. Ricordo però dal tono in cui mi disse la frase di cui sopra, e della maniera evasiva in cui mi rispondeva, ho avuto la sensazione che era stata lei a commettere quel gesto criminoso”.

“In tre anni di assidua frequentazione - continua l'ex - ho imparato a conoscerla quando mi diceva le bugie e in questa occasione è stata quella la mia sensazione”, sottolineando che Jessica più volte aveva ribadito che mentre era fidanzata con lui riusciva a resistere dal commettere “cavolate“. “Dalle sue parole e da quelle lacrime ho avuto paura e sconcerto, avvertendo che era una specie di confessione in merito al suo diretto coinvolgimento nella scomparsa della bambina Denise Pipitone. Dall’intesa che avevamo ho capito che lei aveva commesso qualcosa di grave nei confronti della piccola Denise Pipitone“ ha aggiunto l’ex della Pulizzi.

Intanto Gioacchino Sbacchi, avvocato della difesa della Corona insieme a Fabrizio Torre, sull’indiscrezione che la donna sarebbe indagata insieme a Giuseppe Della Chiave per la scomparsa di Denise Pipitone fa sapere: “Ho appreso la notizia della presunta iscrizione nel registro degli indagati della mia assistita dalle televisioni. A noi non risulta. Chiederemo ufficialmente alla Procura di Marsala se effettivamente sono state riaperte le indagini”.

 

 

Commenti
    Tags:
    denise pipitonecaso denisecaso denise pipitonejessica pulizzi
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara, giungla "bollente" Foto che lasciano a bocca aperta

    Lady Icardi da sogno

    Wanda Nara, giungla "bollente"
    Foto che lasciano a bocca aperta

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando

    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando





    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

    Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.