A- A+
Cronache

Ha confessato dopo un lungo interrogatorio presso gli uffici della squadra mobile della capitale l'uomo fermato con l'accusa di aver ucciso Alessandra Iacullo. Si tratta di Mario Broccolo, cinquantenne romano, che ha frequentato per un periodo la vittima e la loro relazione si era poi conclusa. Secondo quanto si e' appreso l'uomo non si era rassegnato alla fine della relazione e aveva continuato a cercare la vittima con telefonate e messaggi.

L'uomo e' stato fermato al termine di un'indagine condotta dagli agenti della squadra mobile della capitale.  Alessandra Iacullo e' morta per le ferite da coltello su piu' parti del corpo, di cui due gravi all'altezza della gola. Il corpo della trentenne fu trovato sotto il suo scooter a pochi passi dalla sua abitazione e a un primo momento si penso' a un incidente stradale.  

 

.

Tags:
ostiaomicidiodonna
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

Scatti d'Affari
EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories





casa, immobiliare
motori
 Spoticar lancia la phygital experience

 Spoticar lancia la phygital experience


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.