A- A+
Cronache
Agrigento, famiglia travolta da un vulcano. Muore bimba, disperso il fratellino

Grave incidente nella riserva naturale delle Macalube (Agrigento), dove tre persone, un padre con i suoi due bambini, un maschietto e una femminuccia, sono stati travolti dal fango in seguito dell'esplosione di un vulcanello. La bimba risulta al momento dispersa.

La Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un'inchiesta sulle cause che hanno portato alla tragedia della riserva naturale "Macalube". L'inchiesta e' stata affidata al sostituto procuratore, Carlo Cinque. Ancora disperso il bambino, 9 anni, che insieme al padre e alla sorellina si trovavano nei pressi del vulcanello esploso. Nonostante i tentativi di salvarla, la bimba e' morta subito dopo essere stata estratta dal fango.

Tags:
agrigentofamigliavulcanello
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
FS, al via le prove tecniche del Frecciarossa 1000 tra Madrid e Barcellona

FS, al via le prove tecniche del Frecciarossa 1000 tra Madrid e Barcellona





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.