A- A+
Cronache
Ex-Ilva: bimbo malato di leucemia, chiesto risarcimento da 1,5 milioni
Taranto.Ilva

Ex-Ilva: la famiglia di un bambino ammalato di leucemia chiede 1,5 milioni di risarcimento allo Stato

Un milione e mezzo di euro è la richiesta di risarcimento avanzata allo Stato dai genitori di Jacopo, un bambino di 5 anni del quartiere Tamburi di Taranto, che è molto vicino agli impianti siderurgici ex Ilva. Jacopo da tempo combatte con la leucemia. Si è ammalato prestissimo ed ora è soggetto a cicli di chemioterapia ed altre cure. “Vogliamo giustizia per le sofferenze di nostro figlio”, dichiara la madre di Jacopo attraverso gli avvocati. La causa è stata promossa dinanzi al Tribunale civile di Lecce. Questa mattina, 5 gennaio, si è svolta la prima udienza, la prossima, in cui sarà avviata l’istruttoria, è fissata per il 20 aprile.

“Dalle sedi penali - spiega l’avvocato Anton Giulio Lana, coordinatore del collegio di difesa dei genitori di Jacopo - il processo si sposta in sede civile. Vogliamo che sia una prima causa pilota, di altre che potrebbero seguirne a difesa della popolazione tarantina colpita da una serie di patologie”. Secondo l’avvocato Lana, “il caso di Jacopo è emblematico della grave situazione per la salute dei bambini di Taranto, specialmente di coloro che vivono nel quartiere Tamburi e Paolo VI”.
    
“La somma richiesta non solo va a risarcire il danno patito da Jacopo, ma anche quello dei suoi genitori, la cui serenità familiare è stata stravolta da quanto accaduto al piccolo”, ha affermato l’avvocato Cosimo Portacci, del collegio difensivo. “Questo processo si inserisce nel solco tracciato da numerose sentenze della corte europea dei diritti dell’uomo che, in materia, hanno già avuto modo di affermare la responsabilità dello Stato italiano”, dichiarano inoltre gli avvocati Lana e Maria Immacolata Riso. I legali della famiglia del bambino chiedono di accertare “le responsabilità dello Stato in merito agli interventi per rimuovere il rischio di contrarre tumori e altre gravi malattie da parte della popolazione tarantina che vive nelle zone a ridosso dello stabilimento”. “La questione - ha rilevato l’avvocato Lana - è quella del nesso causale tra le omissioni di tutta una serie di misure e cautele e il danno subito da molti tarantini, tra questi bambini, per le patologie sopraggiunte. A livello difensivo, abbiamo scelto la strada della richiesta del risarcimento del danno sul piano civile”. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
exilvaleucemiarisarcimento
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream

Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream





motori
Fiat nuova Pandina: verrà prodotta fino al 2027 a Pomigliano

Fiat nuova Pandina: verrà prodotta fino al 2027 a Pomigliano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.