A- A+
Cronache

L'ex prefetto Francesco La Motta e' stato raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare su ordine della procura di Roma nell'ambito di un filone di indagine sulla gestione dei fondi del Viminale. Arresto anche per l'ex banchiere Klaus Beherend, il finanziere Eduardo Tartaglia e il broker Rocco Zullino, questi ultimi due gia' in carcere a Napoli. Peculato e falsita' ideologica sono i reati contestati.

La vicenda che ha portato in carcere l'ex prefetto Francesco La Motta e altre tre persone per la sottrazione dei fondi del Fec costituisce "una indicibile beffa per i cittadini che, in una epoca di necessaria austerita', devono apprendere dai giornali che i soldi pubblici gestiti da un ministero, quello degli Interni, che opera per la sicurezza pubblica, erano andati a confluire su un conto, poi svuotato, per effettuare trasferimenti a favore della Silgocom Sa di Chiasso, societa' a cui erano pervenuti anche i soldi provenienti dalla criminalita' organizzata". Lo scrive il gip Massimo Di Lauro nell'ordinanza cautelare.

Tags:
manetteprefettoviminale
in evidenza
House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

Lady Gaga guida un cast stellare

House of Gucci, guarda il trailer
Jared Leto irriconoscibile. FOTO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.