A- A+
Cronache

 

sismografo

LA TERRA E' TORNATA A TREMARE/

Una scossa di terremoto è stata avvertita a Bologna, Modena, Reggio Emilia e anche in Liguria. È durata qualche secondo. Paura in Toscana. Panico in Garfagnana, dove c'è stato l'epicentro a 15,5 chilometri di profondità. La magnitudo registrata è tra i 4,5 e i 5 gradi della scala Richter. L'episodio sismico è stato avvertito anche a Milano. Social network invasi da messaggi di paura. Il ministro Elsa Fornero ha interrotto la sua lezione a Firenze...

Presidente Ingv: "Nessun legame con il terremoto che ha colpito l'Emilia un anno fa". Il sismologo, Giovanni Gregori (Cnr): "La penisola italiana e' attualmente attraversata da un periodo di tempesta crostale, ovvero e' entrata in una fase in cui e' costantemente bombardata da scosse di terremoto"

 

RELOAD - LE NOTIZIE SUL TERREMOTO MINUTO PER MINUTO

CONFERMATO CHE NON CI SONO DANNI A COSE O PERSONE - E' confermato che la scossa tellurica con epicentro tra Pieve Fosciana e Castelnuovo Garfagnana non ha causato danni a cose o persone nella provincia di Lucca. Alcune scuole saranno chiuse a scopo cautelativo, al fine di effettuare le verifiche strutturali dovute. Saranno chiuse quelle di Lucca, Viareggio, Capannori e altri comuni, mentre cittadine che hanno le scuole chiuse nel fine settimana, approfittano dei giorni di festa per verificare se ci siano stati danni, come Altopascio e Pieve Fosciana. Intanto sono aperte le sale operative dei comuni interessati dal sisma, e quella provinciale che operano fin dai primi minuti successivi alla scossa.

SCUOLE CHIUSE ANCHE A VIAREGGIO - A seguito della scossa di terremoto verificatasi nel pomeriggio di oggi con epicentro in Garfagnana, infatti, il commissario prefettizio del Comune di Viareggio ha disposto per la chiusura in via precauzionale di tutte le scuole di ogni ordine e grado. "Le squadre dei tecnici inviate nell'immediatezza per la verifica delle strutture - si legge in un comunicato stampa del Comune di Viareggio - non hanno potuto accedere agli edifici che, stante l?ora, erano ormai chiusi. Pertanto, al fine di evitare qualsiasi pregiudizio per gli studenti e consentire domani lo svolgimento dei necessari controlli, il commissario straordinario ha disposto la chiusura".

terremoto emilia (12)Il dramma del terremoto in Emilia: flashback del terribile sisma di un anno fa
Guarda la gallery

 

GREGORI (CNR), IN ITALIA E' IN ATTO TEMPESTA CROSTALE - "La penisola italiana e' attualmente attraversata da un periodo di tempesta crostale, ovvero e' entrata in una fase in cui e' costantemente bombardata da scosse di terremoto". Lo ha detto all'AGI Giovanni Gregori, geofisico del Consiglio Nazionale delle Ricerche, a commento della scossa di terremoto che si e' verificata alle 15.48 nell'area della Garfagnana. "Quest'ultima scossa - ha spiegato Gregori - ci dimostra che il nostro paese e' come un tavolo squassato che riceve continuamente un colpo dietro l'altro". "Per la Terra si tratta di una fase fisiologica che puo' durare diversi anni, fino a quando non si arriva a periodi di calma piatta". Per il geofisico questa sarebbe una buona notizia. "Piu' sono le scosse di terremoto - ha sottolineato - minori sono i danni che provocano. E' nei periodi di quiete che bisogna preoccuparsi perche' significa che la terra sta accumulando tanta energia che puo' esplodere improvvisamente con violenza". Ecco perche', secondo Gregori, tutti i terremoti sarebbero in qualche modo collegati. "Anche se si tratta di faglie diverse - ha concluso - tutte fanno parte dello stesso meccanismo".

SCUOLE APERTE A CASTELNUOVO E CHIUSE A CAMAIORE - Resteranno aperte le scuole di Castelnuovo Garfagnana: al momento, infatti, il sindaco della cittadina garfagnina non ravvede necessità di interrompere le lezioni, poiche' i plessi scolastici non hanno subito danni tali da far presupporre pericoli. Saranno, invece, chiuse quelle di Camaiore: il sindaco Alessandro Del Dotto, infatti, ha disposto a scopo cautelativo la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado sul territorio comunale, compresi gli istituti privati e i nidi di infanzia, per sabato 25 gennaio.

INTERROTTA LA LINEA FERROVIARIA LUCCA-AULLA  - Chiusa in via cautelativa la linea ferroviaria Lucca-Aulla. Sono, infatti, in corso le verifiche strutturali a seguito della scossa delle 15,48, con epicentro Pieve Fosciana e la circolazione ferroviaria in Garfagnana e' stata interrotta. "Si pensa che l'interruzione durera' almeno due ore - spiega l'assessore provinciale alla Protezione civile Diego Santi - e serve per verificare che la linea ferroviaria sia integra". Le persone che si trovavano sui treni in circolazione al momento della scossa sono state immediatamente assistite e saranno trasportate alle destinazioni attraverso un mezzo sostitutivo di pullman.

INGV, 10 SCOSSE IN UN'ORA FRA TOSCANA ED EMILIA - Sono 10 le scosse di terremoto registrate dall'Ingv in un'ora fra Toscana ed Emilia. La prima - la piu' forte, di magnitudo 4.8 - e' stata segnalata alle 15.48 mentre l'ultima - di magnitudo 2,3 - e' avvenuta alle 16.51. Il distretto sismico delle scosse e' individuato nella Garfagnana, eccetto per la scossa delle 16.22, localizzata a Frignano, in Emilia.

GRESTA (INGV), NESSUN LEGAME CON SISMA EMILIA - Nessun legame tra la scossa di terremoto che ha interessato l'area montuosa della Garfagnana, a 30 chilometri a Nord-Est di Viareggio, e il sisma che proprio un anno fa ha colpito l'Emilia. Lo ha detto all'AGI Stefano Gresta, presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV): "Si tratta di una struttura sismogenica diversa", ha chiarito. "Al momento si e' trattata di una scossa isolata, cioe' senza alcun precedente nei giorni scorsi", ha spiegato Gresta. "E' stata una scossa di magnitudo 4,8, avvenuta a circa 15 chilometri di profondita'. Sono comunque calcoli che a breve potrebbe subire piccole modifiche", ha aggiunto. Sul perche' questo terremoto sia stato percepito in diverse citta', il presidente dell'Ingv spiega: "Piu' un terremoto e' profondo e piu' e' largo il cono in cui l'energia viene proiettata in superficie". In pratica, piu' una scossa e' profonda, maggiore e' l'area in cui viene percepita. "Questo, pero', significa che i danni sono anche minori", ha precisato Gresta.

PAURA A LA SPEZIA MA NESSUN DANNO - Tanta paura, ma nessun danno nello spezzino per la scossa di terremoto avvertita distintamente anche nel resto della Liguria. Molte le chiamate ai centralini dei vigili del fuoco.

PAURA IN EMILIA, A VERGATO BIMBI USCITI PRIMA DA SCUOLA - Molta paura ma al momento nessun danno in Emilia, terra gia' colpita dal sisma del maggio scorso, per la recente scossa di terremoto avvertita in modo piu' forte nei Comuni dell'Appennino ed in alcune citta' come Modena, Bologna e Reggio Emilia. Anche ai carabinieri del capoluogo emiliano non risultano segnalazioni di danni a persone o cose. Dopo la scossa, ed in via precauzionale, gli alunni di alcune scuole elementari di Vergato, comune sull'Appennino bolognese, sono usciti prima dalle classi terminando qualche minuto in anticipo le lezioni.

PROTEZIONE CIVILE, NO SEGNALAZIONI DANNI IN EMILIA - Al momento non si registrano segnalazioni di danni a cose o a persone, in Emilia Romagna, dovuti alla recente scossa di terremoto di magnitudo 4.8 con epicentro in Garfagnana. Lo conferma il direttore dell'agenzia regionale di Protezione civile in Emilia Romagna Maurizio Mainetti. La scossa e' stata avvertita in modo forte nei comuni Appenninici del crinale modenese. Sono gia' partiti i tecnici della protezione civile per le verifiche sul campo. Quindi, per avere un quadro completo della situazione bisognera' attendere l'esito dei controlli. Per ora i vigili del fuoco non hanno segnalato alla protezione regionale interventi particolari. A Bologna sono arrivate alcune telefonate alla centrale del 115. Si trattava, per la maggior parte dei casi, di cittadini che volevano sapere dove era stato localizzato l'epicentro del sisma.

SCOSSA AVVERTITA ANCHE IN LIGURIA - Avvertita anche a Genova e nel levante ligure la scossa di magnitudo 4,8 che ha avuto come epicentro la Garfagnana. Non i registrano danni, mentre numerose sono state le telefonate allarmate ai vigili del fuoco e alla polizia municipale

IN GARFAGNANA PERSONE SI RIVERSANO IN PIAZZA - Molta paura, ma, al momento almeno, non risultano danni a cose o persone. Questo e' il primissimo bilancio a pochi minuti dalla scossa di terremoto, avvertita in tutta la Toscana e il cui epicentro sembra essere la Garfagnana. Una scossa di magnitudo 4,8 secondo l'Istituto di Geofisica: ai carabinieri di Castelnuovo Garfagnana, al momento, non risultano chiamate ne' a loro ne' ai Vigili del Fuoco per quanto riguarda danni ingenti a cose o a persone, ma sicuramente la paura e' stata forte. La popolazione si e' riversata nelle piazze dei paesi e, adesso, e' ammassata nelle aree ritenute 'sicure' e individuate dalla protezione civile come tali. Intanto si sta mettendo in moto la macchina della protezione civile per far fronte a possibili situazioni emergenziali.

INGV, IN CORSO ALTRE SCOSSE, POSSIBILE SCIAME - Potrebbe trattarsi di uno sciame sismico quello inaugurato con la scossa da 4,8 gradi in Garfagnana: secondo Alessandro Amato, dell'Ingv, "e' ancora presto per dirlo, ma seguiranno altre scosse di assestamento". Cosa che in realta' si sta gia' verificando: negli ultimi minuti, spiega Amato all'AGI, si sono registrate con epicentro nel Lucchese altre scosse attorno a magnitudo 2. "La scossa e' arrivata senza pravviso ne' scosse piu' leggere - spiega Amato - ma ora ne seguiranno altre. E' un classico terremoto appenninico, medio-forte, abbastanza superficiale avendo profondita' di 15 chilometri". La Garfagnana e' considerata dagli esperti una zona dall'alto rischio sismico: nel 1920 l'intera regione fu devastata da un forte terremoto superiore ai 6,5 gradi.

INGV, SCOSSA IN GARFAGNANA; MAGNITUDO 4,8 - La scossa di terremoto che ha colpito la Toscana ha avuto epicentro in Garfagnana, secondo l'Ingv, con profondita' 15,5 km e una magnitudo di 4,8. La scossa di e' verificata alle 14.48.

LA PAURA A FIRENZE CORRE SU FACEBOOK - 'Alla faccia della scossa.....scossone', 'Dio santissimo, il terremoto. Fortissimo', 'Paura' sono solo alcuni dei commenti lasciati su facebook dopo che alle 15,48 e' stata avvertita a Firenze una forte scossa di terremoto. Il presidente della regione Toscana Enrico Rossi avverte: 'sto contattando la protezione civile'.

SCOSSA AVVERTITA ANCHE A BOLOGNA - La forte scossa di terremoto e' stata avvertita anche in Emilia Romagna, e in particolare a Bologna, Modena e Reggio Emilia. Secondo le prime informazioni fornite dalla protezione civile di Bologna, il terremoto - di magnitudo 4,8 a 15,5 km di profondita' - e' stato avvertito dalla provincia di Bologna fino alla Garfagnana e ha avuto come epicentro la zona di Castiglione di Garfagnana, Villa Collemandina e Pieve Fosciana, in Toscana. Dalle prime informazioni, la scossa a Bologna e' stata avvertita in modo netto ai piani alti in zona Massarenti e anche nel palazzo della Regione, in Via Aldo Moro. Intanto sono gia' stati avviati i primi contatti dalla protezione civile regionale con i sindaci delle zone colpite dal terremoto del maggio scorso, per avere un quadro della situazione.

Tags:
terremotoscossasisma

i più visti




casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.