A- A+
Cronache

 

fukushima

Sono passati due anni dal disastro della centrale atomica di Fukushima, ma le conseguenze sono ancora presenti nella vita dei giapponesi. Per comprendere il dramma di quanto accaduto nel villaggio giapponese è possibile visitare virtualmente le zone con Google street view.

Le auto della casa del motore di ricerca hanno attraversato le città e i paesi distrutti dal sisma. Una visione terribile, migliaia di immagini di distruzione e non un solo essere umano. Fra quelle più tragiche un incremento nella morte degli anziani della regione. Non è solo delle radiazioni la responsabilità di queste morti. Anche lo stress per un trasloco forzato e l’incertezza sul futuro hanno provocato un’impennata dei decessi.

Direttamente responsabili di alcune malformazioni sembrerebbero invece la radiazioni per ciò che riguarda un incremento di un handicap che non era così sviluppato nel paese: i piedi piatti.

Tags:
fukushimagoogledisastro
in evidenza
Nargi, che sirena al tramonto L'ex velina infiamma Instagram

Un'estate bollente- FOTO

Nargi, che sirena al tramonto
L'ex velina infiamma Instagram


in vetrina
LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici

LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.