A- A+
Cronache
Garlasco, indagini sviate dall'ex carabiniere.Cosa non torna nel delitto Poggi

Garlasco: giudici, ex maresciallo dei carabinieri sviò le indagini

L'ex maresciallo dei carabinieri di Garlasco, Francesco Marchetto, provoco' un "grave sviamento" delle indagini" sull'omicidio di Chiara Poggi con la sua falsa testimonianza sulla bici nera da donna, davanti al gup di Vigevano Stefano Vitelli. Lo scrivono i giudici della prima Corte d'Appello nelle motivazioni alla sentenza con cui, il 12 ottobre scorso, hanno pronunciato una sentenza di non luogo a procedere per intervenuta prescrizione del reato di cui era accusato Marchetto.

Le motivazioni della prescrizione dell'ex maresciallo

Le dichiarazioni considerate false dai giudici vennero rese dal militare nell'ambito del giudizio col rito abbreviato che si chiuse con l'assoluzione di Alberto Stasi, condannato poi in Cassazione dopo un complicato iter processuale a 16 anni di carcere. Marchetto era stato condannato un anno fa dal Tribunale di Pavia a 2 anni e mezzo di reclusione per non aver detto la verita' a Vitelli sui motivi per i quali non aveva sequestrato quella bicicletta che era nella disponibilita' di Stasi, l'ex fidanzato di Chiara. Anche se hanno dichiarato il reato prescritto, i giudici hanno confermato la provvisionale di 10 mila euro ciascuno liquidata ai genitori e al fratello di Chiara Poggi, che, assistiti dall'avvocato Gian Luigi Tizzoni, denunciarono il carabiniere per falsa testimonianza.

L'ex maresciallo mentì sulla bicicletta nera da donna

Secondo l'accusa, Marchetto, comandante della stazione dei carabinieri di Garlasco all'epoca del delitto, avrebbe detto il falso in relazione agli accertamenti sulla bicicletta nera da donna che un testimone sosteneva di avere visto appoggiata al muretto della villa di via Pascoli in un orario compatibile con quello del delitto. In particolare, avrebbe mentito in un'annotazione di servizio in cui attestava la non somiglianza tra quella bici e un'altra nera da donna nella disponibilita' della famiglia Stasi.

Bugie per coprire gli errori. O altro?

Le sue parole portarono gli inquirenti a non sequestrare quest'ultima bici, influenzando le indagini che poi portarono a una doppia assoluzione per l'ex studente bocconiano. "Il quadro probatorio - scrivono i giudici d'appello con motivazioni analoghe a quelle della condanna di primo grado - fornisce prove non equivoche sulla responsabilita' dell'imputato per il reato ascritto". Ma perché l'ex maresciallo avrebbe mentito? In primo grado i giudici scrissero che "non è dato conoscere le ragioni per le quali Marchetto scelse deliberatamente di mentire" sul tipo di bicicletta che ritenne "differente" scrivono i giudici oggi. Non ci sono "elementi univoci di favoreggiamento", aggiungono, tutt’al più "sospetti nati dall’esistenza di un legame di conoscenza con il padre di Stasi". Ma una risposta definitiva all'interrogativo non è mai stata data.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
garlascochiara poggicarabiniere
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari

CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari





casa, immobiliare
motori
Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.