A- A+
Cronache
gatto 500

Un gatto contrabbandiere di cellulari: a scoprirlo, le guardie della Colonia Penitenziaria Numero uno della Repubblica russa di Komi, che hanno intercettato il felino mentre scalava il muro di cinta.

"Dei tentativi di far entrare degli oggetti proibiti nella prigione si erano già verificati in passato, ma questo non era mai successo nella storia del carcere", hanno commentato fonti della sicurezza locale: il gatto, bianco e nero, aveva sul dorso - attaccati con del nastro adesivo - due telefoni cellulari con i relativi caricabatterie.

Non è il primo caso di gatti utilizzati per rubare oggetti. Lo scorso gennaio era stato preso un felino in Brasile che entrava e usciva dal carcere senza dare troppo nell'occhio individuato e catturato dagli agenti della prigione di 'Luiz de Oliveira Souza', nella città di Arapiraca in Brasile. Il felino complice era utilizzato da un gruppo di prigionieri per far entrare in galera telefoni cellulari e strumenti per organizzare una fuga.

Gli agenti lo hanno scoperto durante il "viaggio" dell'ultimo dell'anno, quando una delle guardie lo ha visto un pò appesantito, visto che gli avevano legato con nastro adesivo al corpo telefonini e chip, un caricatore da cellulare e alcuni strumenti da utilizzare per un'eventuale fuga, ha riferito il responsabile del sindacato delle guardie penitenziarie della città, Marcelo Avelino. Il "materiale" trasportato serviva per scavare tunnel e per pianificare, via cellulare con i complici fuori dal carcere, i colpi da fare in città.

Tags:
gattorussiacontrabbandiere
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo: torna l’entrata gratuita nei musei della Banca

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo: torna l’entrata gratuita nei musei della Banca





casa, immobiliare
motori
Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva

Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.