A- A+
Cronache
genova nave 500 19

E' stato individuato il corpo del sergente della Guardia Costiera Gianni Iacoviello, ultimo disperso della tragedia avvenuta il 7 maggio scorso al molo Giano, nel porto di Genova, dove la portacontainer Jolly Nero, in manovra, ha urtato con la poppa la torre dei piloti determinandone il crollo. Sul posto stanno operando i palombari della Marina Militare, i sommozzatori dei Vigili del Fuoco e della Capitaneria di Porto.

La notizia arriva L'autoritaà portuale di Genova si è costituita parte offesa e ha nominato un legale di fiducia. Oltre all'Autorità Portuale, si sono costituiti parte offesa le famiglie di due delle vittime. Nella tragedia hanno perso la vita nove persone. Secondo quanto si e' appreso, poi, la scatola nera della Jolly Nero potrebbe essere aperta e il contenuto esaminato in Italia. Si sarebbe infatti proposta per effettuare la delicata operazione una societa' spezzina, che collabora con l'azienda produttrice estera. "Si e' trattato - ha spiegato il procuratore capo, Michele Di Lecce - di una generica offerta di prestazione, che verificheremo. A noi - ha concluso - servono i dati originali".  

Tags:
genovaportotragedia
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.