A- A+
Cronache

 

Il Papa arriva a Rio de Janeiro ed è subito problema sicurezza. Sceso all'aeroporto, sale su una Fiat Idea non blindata che sbaglia strada e lo porta "in bocca" alla folla festante. Lui non si scompone, certo: ma alla Gendarmeria vaticana, che veglia sulla sua sicurezza, a tanti saranno venuti i capelli bianchi. Così come al Santuario di Aparecida, dove è stato trovato un ordigno rudimentale nei bagni (il Papa dovrebbe visitarlo a breve). Falle nella sicurezza di un viaggio di pace ma che si svolge in un Brasile che ancora sta protestando e ribollendo per i problemi sociali emersi in questi ultimi mesi.

UN PAESE IN FERMENTO- C'è poco da dire: va bene essere la B dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina), delle nuove e frizzanti economie del Duemila. Ma sono tutti, o quasi, giganti dai piedi d'argilla. E quanto sta accadendo tra i carioca lo dimostra: non vivono solo del culto del Dio pallone, hanno bisogno di equità e giustizia sociale. Corruzione endemica, malgoverno, malversazione non so o più tollerabili da una popolazione che comincia a vedere il benessere improvviso di un paese che vuole contare sempre più nel mondo e non è disposta a tollerare spese folli per stadi e Olimpiadi, ma senza avere in cambio scuole decenti e una sanità accettabile. È per questo che i brasiliani sono scesi in strada durante la Confederations Cup, e con questo la classe politica brasiliana dovrà misurarsi.

IL PAPA E IL LAVORO- E la visita papale inizia con un accenno a tutto questo. In volo verso Rio, Francesco chiede con forza lavoro per le giovani generazioni. Una richiesta che riguarda tutti i giovani, dalle economie emergenti alla Vecchia Europa malata di precariato e disoccupazione giovanile. È questo il primo messaggio forte che arriva in occasione della GMG ed è da scommettere che ce ne saranno altri nei prossimi giorni. Il Papa che ricorda ai giovani di non farsi rubare la speranza, ha voluto twittare prima di imbarcarsi alla volta del Brasile (ha volato - come da protocollo e tradizione - su un Airbus messo a disposizione dall'Alitalia, ma è arrivato a Ciampino a bordo di un elicottero dell'Aeronautica Militare che lo ha trasportato dal Vaticano allo scalo romano) un messaggio in cui si dice pieno di gioia nel cuore e invita i ragazzi ad aspettarlo.

CHI PAGA IL VOLO PAPALE- A proposito del volo papale, rispondiamo volentieri a una domanda posta dai nostri lettori: chi paga l'aereo? La Santa Sede. E per essere più precisi: il Papa, in quanto pellegrino, viaggia gratis. Pagano - ognuno pro quota - i giornalisti che viaggiano con lui. Nel loro biglietto, cioè, è incluso un piccolo sovrapprezzo che è il biglietto papale. Inoltre, il protocollo prevede che all'andata il Papa voli con Alitalia perché compagnia di bandiera italiana (e, come i lettori hanno visto, l'aereo riporta le insegne papali); al ritorno viaggerà con un aereo della principale compagnia brasiliana). A inaugurare la tradizione dei viaggi aerei è stato, nel gennaio 1964, Paolo VI (visita in Terrasanta). I lettori avranno anche notato l'ormai famosa immagine del Papa che è salito in aereo col "bagaglio a mano": più che altro è una borsa di documenti su cui il pontefice sta lavorando in questi giorni.

DIO BRASILIANO- Per quanto riguarda il programma della GMG, oggi - salvo imprevisti o visite a sorpresa - ė una giornata di riposo. Ma non riposano i brasiliani che stanno commentando una battuta papale divertente ma non troppo. All'arrivo in Brasile il Papa ha rispolverato il tradizionale campanilismo - oggi soprattutto di stampo calcistico - tra Argentina e Brasile: sapendo che dopo il Conclave i giornali brasiliani hanno titolato "Dio è brasiliano" per consolarsi della mancata elezione di Odilo Pedro Scherer, l'arcivescovo di San Paolo dato tra i papabili, Francesco ha così apostrofato una giornalista carioca: "Avete già Dio brasiliano, volevate anche il Papa?". Forse sarebbe ora di mettersi d'accordo tra argentini e brasiliani, visto che dopo l'elezione di Jorge Mario Bergoglio i suoi compatrioti della Pampa dicevano che Dio (cioè Diego Armando Maradona) è argentino, così come suo Figlio (Lionel Messi). E che con Bergoglio il trittico si è completato. State buoni se potete, diceva San Filippo Neri ai suoi giovani...

IL PROGRAMMA DI DOMANI 08.15 Partenza in elicottero dall’Eliporto di Sumaré al Santuario di Nostra Signora della Concezione di Aparecida 09.30 Arrivo all’Eliporto del Santuario di Nostra Signora della Concezione di Aparecida 10.00 Venerazione dell'Immagine della Vergine nella Sala dei 12 Apostoli del Santuario di Nostra Signora della Concezione di Aparecida 10.30 Santa Messa nella Basilica del Santuario di Nostra Signora della Concezione di Aparecida Omelia del Santo Padre 13.00 Pranzo con il Seguito Papale, i Vescovi della Provincia e i Seminaristi nel Seminario Bon Jesús di Aparecida 16.10 Partenza in elicottero dall’Eliporto del Santuario di Nostra Signora della Concezione di Aparecida per Rio de Janeiro 17.25 Arrivo all’Aeroporto Santos Dumont (III Comar) di Rio de Janeiro 18.30 Visita all'Ospedale São Francisco de Assis na Providência - V.O.T. a Rio de Janeiro

Tags:
gmspapabergogliobrasile
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO





casa, immobiliare
motori
Mercedes: il futuro è completamente elettrico

Mercedes: il futuro è completamente elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.