A- A+
Cronache
polizia7011111

Clamoroso scontro fra enti dello Stato a Gorizia. Il Comune deciso di agire in giudizio nei confronti della Prefettura e del ministero dell'Interno per il mancato pagamento del canone di locazione della caserma Massarelli. Il contratto è scaduto da oltre 4 anni e dopo la conciliazione la giunta rivendica 650mila euro di arretrati. "La Polizia occupa il locale senza averne titolo".

Dal 1982 la caserma, spiega Il Gazzettino, ospita una parte degli uffici della questura isontina. La delibera che avvia la causa contro lo Stato è stata approvata dalla giunta municipale e chiede la convalida e la successiva esecuzione dello sfratto per finita locazione della caserma. "Spero che questa azione eclatante faccia riflettere il ministero sulla gravità della situazione e che si possa risolvere questa vicenda kafkiana", ha dichiarato il sindaco, Ettore Romoli.

Tags:
questuragoriziacausa
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Ford Bronco sbarca in Europa

Ford Bronco sbarca in Europa


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.