A- A+
Cronache
Grillo, l’amico: “Vodka? L’ha presa lei e c'ha sfidato”. Depositati nuovi atti

Sono scese dal taxi e la mia compagna ha notato che avevano gli stessi vestiti che indossavano la sera prima, quando sono uscite. Ci sembrava strano che avessero passato la notte fuori perché erano qui da parecchi giorni e non erano ragazze che uscivano tutte le sere, se non ricordo male non erano proprio mai uscite di sera e men che meno erano rimaste fuori a dormire. Sono passate veloci, occhiali scuri, testa bassa, e si sono infilate in camera. Da quel momento in poi il loro umore ci è sembrato più scuro, diverso. Non erano più serene come il giorno prima, erano silenziose e pensierose, soprattutto la ragazza italo-svedese. Noi ci siamo immaginati che probabilmente avevano litigato fra loro. Ci siamo dati quella spiegazione anche gli altri giorni che sono rimaste qui perché continuavano a sembrarci turbate. Poi un giorno dopo ferragosto sono arrivati due carabinieri in borghese a farci domande e abbiamo capito...''.

Secondo indiscrezioni, la difesa della giovane presunta vittima avrebbe depositato agli atti della Procura anche l'intervista rilasciata da Vittorio Lauria, uno dei quattro giovani indagati, alla trasmissione 'Non è l'Arena' di Giletti. In quella occasione, parlando del video con alcuni frame in cui si vedono delle scene di sesso di gruppo, dice: "Io non ce l'ho più. Si vede comunque che la ragazza sta, uno, benissimo e, due, che comunque noi non costringiamo niente". E sulla vodka che la ragazza sarebbe stata costretta a bere dice: "Costretta, esattamente, ma invece è proprio lei che l'ha presa, da sola e per sfida, come noi comunque abbiamo detto ai pm, perché è stato proprio così. Per sfida lei l'ha bevuta tutta, 'gocciandola', ma non era tanta, era un quarto di vodka, non lo so adesso. Però comunque proprio lei da sola perché noi non riuscivamo a berla e lei per sfida ha detto 'dai che ce la faccio' e se l'è bevuta. E poi è andata a dire che io l'ho presa per la gola, ho fatto…".

Agli atti dovrebbe esserci anche il video postato da Beppe Grillo poi diventato virale in cui aveva detto che i ragazzi "non sono stupratori" ma "quattro cog..i". Mettendo in dubbio anche lo stupro avvenuto perché "la ragazza all'indomani è andata a fare surf". "Perché non li avete arrestati subito? Perché vi siete resi conto che non è vero che c'è stato lo stupro". Quindi, la chiosa disperata, urlata: "Se dovete arrestare mio figlio perché non ha fatto niente, allora arrestate anche me, perché ci vado io in galera". .A questo punto i legali dei quattro indagati, Vittorio Lauria, Ciro Grillo, Eduardo Capitta e Francesco Corsiglia chiederanno nei prossimi giorni un ulteriore termine per approfondire le nuove carte depositate.

di Elvira Terranova-Adnkronos

 

Commenti
    Tags:
    grillocaso grillociro grillo
    in evidenza
    Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

    Calcio e tv... bollente

    Carolina Stramare va in gol
    L'ex Miss Italia sfida Diletta

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





    casa, immobiliare
    motori
    Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

    Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.