Aurelia. Il blocco nella zona della rotonda della frazione Latte, a Ventimiglia.
Il traffico bloccato, i mezzi non possono raggiungere né la frontiera di Ponte S.Ludovico né quella di Ponte S.Luigi. I manifestanti hanno annunciato si sposteranno anche verso la barriera autostradale della A10. A Ventimiglia, in mattinata, è prevista anche una manifestazione di protesta da parte di frontalieri, studenti e commercianti.

Alfano,gesto agenti di togliere casco no solidarieta' - No alla "strumentalizzazione" di alcune condotte tenute da esponenti delle forze dell'ordine del corso delle manifestazioni dei 'forconi'. Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno Angelino Alfano, sottolineando alla Camera che "il gesto di togliere il casco e' avvenuto quando era scemata la tensione. E' irresponsabile leggerlo come solidarieta' ai manifestanti".

Alfano, rischi deriva ribellistica contro istituzioni - Esiste la "preoccupazione" espressa anche durante un "vertice al Viminale" che "l'insieme delle cause di un disagio sociale possa provocare una deriva ribellistica contro le istituzioni nazionali ed europee"

Alfano, in manifestazioni anche fronte violento - Tra i manifestanti "vi e' un ambito pacifico, che esprime disagio sociale, ma c'e' anche un fronte violento che ha violato l'ordinamento della Repubblica e del nostro Paese". Lo ha sottolineato il vicepremier e ministro dell'Interno Angelino Alfano parlando alla Camera sui 'forconi'.

Alfano, partecipano anche formazioni estrema destra - "Formazioni di estrema destra hanno fin da subito manifestato l'intenzione di appoggiare la protesta, e poi hanno aderito alle manifestazioni". Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno Angelino Alfano, nell'informativa alla Camera sui 'forconi'.

Marino, preoccupato per proteste a Roma: 'Rischio violenti. Ma Capitale deve ospitare manifestazioni' Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha detto di essere ''preoccupato'' per la grande manifestazione dei Forconi indetta nella capitale per la prossima settimana. ''E' molto facile che si possano infiltrare persone violente'', ha detto incontrando i giornalisti a New York, sottolineando pero' come la Capitale abbia il dovere di ospitare le manifestazioni di carattere nazionale.

Ventimiglia, lacrimogeni per sbloccare accesso frontiera - Due lacrimogeni sono stati lanciati dalla polizia, intorno alle 9.30, ai piedi dei circa sessanta manifestanti, che verso le 6.30 hanno bloccato l'Aurelia, in frazione Latte, a Ventimiglia (Imperia), impedendo l'accesso alle due frontiere di Ponte san Ludovico e Ponte San Luigi. La Questura tende a precisare che non ci sono state cariche, ma soltanto qualche spintone e che i lacrimogeni sono stati lanciati allo scopo di allontanare i manifestanti (tutti autonomi e non appartenenti ad alcun gruppo organizzato) che saranno tutti identificati e denunciati per manifestazione non autorizzata. Ora, la frontiera verso la Francia e' tornata libera e la circolazione e' stata ripristinata. Letta contro forconi, piccola minoranza, non sono Paese - Il Governo 'spunta' i forconi. "Sono solo una piccola minoranza, non rappresentano il Paese", è l'affondo del premier Enrico Letta. Mentre il vicepremier e ministro dell'Interno, Angelino Alfano annuncia la linea dura: "non avremo remore a reprimere ogni minaccia e intimidazione che dovesse essere espressione di atteggiamenti delinquenziali". Sul fronte dell'opposizione, si registra la marcia indietro di Silvio Berlusconi, che rinvia l'incontro previsto con una delegazione dei dimostranti. E il neosegretario della Lega Nord, Matteo Salvini, dà fuoco alla polveri: "dopo il voto di fiducia di oggi dovrebbero entrare in Parlamento". Giunta al terzo giorno, la protesta, dunque, continua ad infiammare non solo le città, ma anche il Palazzo. In mattinata, alla Camera, Letta punta il dito contro Beppe Grillo, criticando chi "arriva a incitare all'insubordinazione le forze dell' ordine, forze dell'ordine che invece io qui voglio ringraziare davanti a voi e al Paese, per la fedeltà indiscutibile ai valori repubblicani che dimostrano ogni giorno". Nel pomeriggio al Senato, il premier mette nel mirino i 'forconi'. "Quando il Governo deve discutere - spiega - affronta il problema con le categorie economiche di riferimento, con i rappresentanti che rappresentano il 90% di quelle categorie, e si viene a dire che quelli che manifestano rappresentano il Paese, io rispondo che non è vero, si tratta di una piccola minoranza di una categoria economica, è uno stravolgimento delle regole di una democrazia economica". Aggiunge poi che "blandire le minoranze stravolge le regole della democrazia".

2013-12-12T08:25:56.537+01:002013-12-12T15:00:00+01:00truetrue1426116falsefalse4Cronache/cronache4131113014262013-12-12T08:25:56.583+01:009572013-12-13T08:59:02.163+01:000/cronache/i-forconi-vogliono-bloccare-le-frontiere121213false2013-12-12T19:57:01.313+01:00311130it-IT102013-12-12T15:00:00"] }
A- A+
Cronache

 

Ancora manifestazioni, ancora disagi alla viabilita' e presidi in piazza. Il movimento dei 'forconi' guida il quarto giorno di protesta mentre il coordinamento nazionale '9 dicembre' si prepara alla grande manifestazione annunciata per sabato nella capitale dove confluiranno tutti i movimenti dalle altre citta' per un corteo verso il Parlamento. Il vicepremier e ministro dell'Interno, Angelino Alfano ha riferito alla Camera sulle manifestazioni. Stando all'informativa, il bilancio di questi tre giorni di protesta e' di 14 agenti feriti, 5 arresti e 55 denunce per vari reati. Un riferimento anche alle forze dell'ordine che si sono sfilati il casco sottolineando il "no alla strumentalizzazione", mentre il questore di Genova, Massimo Maria Mazza, fa sapere che "ho dato io l'ordine agli agenti e ai carabinieri in servizio di togliere i caschi" come gesto necessario per mandare alla folla un messaggio di "tranquillita'".
 

'INTERVISTA DI AFFARI 1/ Il leader degli autotrasportatori in rivolta: "E' guerra, resteremo in piazza fino a Natale"

L'INTERVISTA DI AFFARI 2/ Paolo Uggè, presidente Conftrasporti: "Il governo agisca subito o sarà paralisi totale"

L'INTERVISTA DI AFFARI 3/ Il Sindacato di Polizia: "Condividiamo i motivi della protesta"

Per il vicepremier esiste la preoccupazione che "l'insieme delle cause di un disagio sociale possa provocare una deriva ribellistica contro le istituzioni nazionali ed europee" e ha ribadito la posizione del Governo "nel dire che come si difende la liberta' dei manifestanti pacifici, intendiamo difendere la liberta' dei cittadini di vivere in sicurezza nelle loro citta', dei commercianti di aprire le loro saracinesche, dei cittadini di circolare liberamente". Intanto a Ventimiglia, dove sono stati allestiti tre presidi in piazza, alcune auto hanno bloccato in mattinata il traffico verso la Francia.

A Firenze disoccupati, lavoratori, studenti e Casapound sono scesi nelle vie del centro, causando disagi al traffico. Protesta anche in Sardegna sulla statale 131. A Torino gli studenti hanno continuato a manifestare davanti piazza Castello. Otto ragazzi sono stati portati in questura. A Palermo, i forconi hanno appeso mutande davanti alla sede della Serit, societa' di riscossione dei tributi locali. Disagi anche sull'A3, dove e' in corso un presidio, nei pressi di Cosenza e nella rotonda d'immissione al raccordo Perugia-Bettolle di Madonna Alta a Perugia. A Roma sta proseguendo il presidio in piazzale dei Partigiani. E sempre nella capitale, stamane alcune centinaia di studenti hanno protestato fuori dall'aula magna dell'Universita' La Sapienza. Un petardo e' esploso all'interno, dove era in corso la conferenza nazionale sulla green economy. La protesta si e' poi spostata davanti al piazzale del Rettorato dove la polizia ha caricato i manifestanti. Due ragazzi sono stati fermati e poco dopo rilasciati dalle forze dell'ordine. "La nostra Universita' - si leggeva in uno striscione - non e' una passerella per chi semina austerita'".

LA CRONACA DELLA GIORNATA

Forconi: manifestanti bloccano accesso Francia e Piemonte
Un gruppo formato da alcune decine di manifestanti, a Ventimiglia (Imperia), ha bloccato gli accessi in automobile a Francia e Piemonte. Presidi, infatti, sono stati organizzati all'imbocco del cavalcavia di Roverino e di via Tenda, strade che conducono sia all'autostrada che alla Statale 20 della Val Roja e del col di Tenda (l'importante arteria stradale che collega la costa ligure di Ponente alla provincia di Cuneo) ed hanno bloccato anche il ponte sul Roja che conduce in Francia attraverso la Statale Aurelia. Ad uno degli svincoli del cavalcavia, i manifestanti hanno anche allestito due tende da campeggio, segno che la protesta continuera' ad oltranza. Al momento, l'unico modo che rimane per recarsi in Francia e' la ferrovia oppure e' necessario imboccare l'Autostrada dei Fiori da Bordighera o ancora dai caselli precedenti, viaggiando a ritroso verso Genova.

Forconi: sette denunciati dai carabinieri a Barletta
Sette manifestanti sono stati identificati e denunciati per violenza privata a Barletta dai carabinieri, per aver minacciato ieri alcuni venditori ambulanti per non far aprire le bancarelle in occasione della festa di "santa Lucia". Si tratta di persone residenti ad Andria, alcune delle quali gia' note alle forze di polizia. Anche a Canosa di Puglia ad essere presi di mira sono stati alcuni venditori ambulanti, che hanno richiesto l'intervento della polizia per poter aprire le loro attivita'.

Forconi: occupati binari stazione di Bra (Cuneo)
 Sono stati coinvolti sei treni nell'occupazione, durata una quarantina di minuti, dei binari della stazione di Bra, nel cuneese, dalle 14.10 alle 14.50 di oggi pomeriggio. L'occupazione, nell'ambito delle manifestazioni di questi giorni legate alla protesta del Movimento dei Forconi, ha causato, come informa una nota di Rfi, la sospensione della circolazione sulla linea SFM4 Torino Stura - Bra e SFM B Alba-Bra- Cavallermaggiore. Sei i treni regionali coinvolti: 5 parzialmente cancellati e 1 con ritardo di 30 minuti.

Forconi: Torino, falliti due tentativi di blocco
Anche oggi ci sono stati a Torino due tentativi di porre dei blocchi da parte di alcune decine di manifestanti, nonostante gli organizzatori delle manifestazioni dei giorni scorsi avessero ieri annunciato il ritorno alla normalita', pur mantenendo dei presidi per fare volantinaggio. Un tentativo e' stato fatto in piazza Derna, dove pero' tutto e' tornato regolare dopo l'intervento delle forze dell'ordine che hanno identificato 15 persone. Tutta l'area Nord della citta', interessata nei giorni scorsi da disagi enormi, e' continuamente pattugliata. Un tentativo di blocco e' avvenuto poi all'Interporto di Orbassano, dove un gruppo di dimostranti si e' spostato dal piazzale con l'intento di andare a occupare la tangenziale (uscita Sito). Anche in questo caso, la polizia ha identificato 38 persone, tra cui alcuni autotrasportatori, che hanno ritirato gli striscioni e hanno desistito.

Forconi: protesta a imbocco superstrada a Perugia, rallentamenti
Una manifestazione con volantinaggio da parte del 'Comitato 9 dicembre' e' in corso nella rotonda d'immissione al raccordo Perugia-Bettolle di Madonna Alta, a Perugia. I manifestanti, con cartelli e intonando cori, hanno distribuito volantini agli automobilisti, causando rallentamenti. Sul posto Digos e squadra volante della questura.

Forconi: polizia toglie i caschi; questore, fu un mio ordine
"Ho dato io l'ordine agli agenti e ai carabinieri in servizio a Genova di togliere i caschi". Lo ha detto il questore di Genova Massimo Maria Mazza fornendo alcune spiegazioni in relazione al comportamento tenuto dagli agenti in piazza durante il servizio d'ordine per la manifestazione dei 'forconi' di lunedi', a Genova. Per Mazza e' stato un gesto necessario per mandare alla folla dei manifestanti un messaggio di "tranquillita'". Mazza ha riferito inoltre di avere ricevuto una chiamata dal vicario Vincenzo Ciarambino, che era presente in piazza, secondo cui non vi era alcuna emergenza reale. Per questo aveva disposto di dare l'ordine. "Non ci saranno provvedimenti disciplinari a chi ha tolto il casco" ha sottolineato infine il questore di Genova.

Forconi: Torino, falliti due tentativi di blocco
Anche oggi ci sono stati a Torino due tentativi di porre dei blocchi da parte di alcune decine di manifestanti, nonostante gli organizzatori delle manifestazioni dei giorni scorsi avessero ieri annunciato il ritorno alla normalita', pur mantenendo dei presidi per fare volantinaggio. Un tentativo e' stato fatto in piazza Derna, dove pero' tutto e' tornato regolare dopo l'intervento delle forze dell'ordine che hanno identificato 15 persone. Tutta l'area Nord della citta', interessata nei giorni scorsi da disagi enormi, e' continuamente pattugliata. Un tentativo di blocco e' avvenuto poi all'Interporto di Orbassano, dove un gruppo di dimostranti si e' spostato dal piazzale con l'intento di andare a occupare la tangenziale (uscita Sito). Anche in questo caso, la polizia ha identificato 38 persone, tra cui alcuni autotrasportatori, che hanno ritirato gli striscioni e hanno desistito.

Forconi: presidio sull'A3, rallentamenti nei pressi di Cosenza
Ancora rallentamenti nei pressi dello svincolo di Cosenza Nord, sull'autostrada A3, Salerno-Reggio Calabria, per il presidio del movimento dei Forconi che perdura oramai da lunedi' scorso. Poche decine di persone proseguono, infatti, la distribuzione di volantini agli automobilisti in transito, provocando rallentamenti al traffico ma non blocchi alla circolazione. Sulla protesta dei Forconi e' intervenuto il segretario cittadino di Forza Nuova a Catanzaro, Enrico Tomaselli, il quale ha evidenziato "il pieno sostegno ai presidi, assieme al movimento Alternativa Popolare Catanzaro". Tomaselli, nell'evidenziare i motivi della protesta, ha aggiunto come questa si stia svolgendo "in maniera del tutto civile ed ordinata su tutto il territorio calabrese, tramite blocchi, sit-in, striscioni e distribuzione di volantini informativi senza identificativi politici alcuni". Sulla protesta dei Forconi e' intervenuto il segretario cittadino di Forza Nuova a Catanzaro, Enrico Tomaselli, il quale ha evidenziato "il pieno sostegno ai presidi, assieme al movimento Alternativa Popolare Catanzaro". Tomaselli, nell'evidenziare i motivi della protesta, ha aggiunto come questa si stia svolgendo "in maniera del tutto civile ed ordinata su tutto il territorio calabrese, tramite blocchi, sit-in, striscioni e distribuzione di volantini informativi senza identificativi politici alcuni".

 

forconiI volti dei "Forconi". GUARDA LE VIDEOINTERVISTE DI AFFARI
 

Aurelia. Il blocco nella zona della rotonda della frazione Latte, a Ventimiglia.
Il traffico bloccato, i mezzi non possono raggiungere né la frontiera di Ponte S.Ludovico né quella di Ponte S.Luigi. I manifestanti hanno annunciato si sposteranno anche verso la barriera autostradale della A10. A Ventimiglia, in mattinata, è prevista anche una manifestazione di protesta da parte di frontalieri, studenti e commercianti.

Alfano,gesto agenti di togliere casco no solidarieta' - No alla "strumentalizzazione" di alcune condotte tenute da esponenti delle forze dell'ordine del corso delle manifestazioni dei 'forconi'. Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno Angelino Alfano, sottolineando alla Camera che "il gesto di togliere il casco e' avvenuto quando era scemata la tensione. E' irresponsabile leggerlo come solidarieta' ai manifestanti".

Alfano, rischi deriva ribellistica contro istituzioni - Esiste la "preoccupazione" espressa anche durante un "vertice al Viminale" che "l'insieme delle cause di un disagio sociale possa provocare una deriva ribellistica contro le istituzioni nazionali ed europee"

Alfano, in manifestazioni anche fronte violento - Tra i manifestanti "vi e' un ambito pacifico, che esprime disagio sociale, ma c'e' anche un fronte violento che ha violato l'ordinamento della Repubblica e del nostro Paese". Lo ha sottolineato il vicepremier e ministro dell'Interno Angelino Alfano parlando alla Camera sui 'forconi'.

Alfano, partecipano anche formazioni estrema destra - "Formazioni di estrema destra hanno fin da subito manifestato l'intenzione di appoggiare la protesta, e poi hanno aderito alle manifestazioni". Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno Angelino Alfano, nell'informativa alla Camera sui 'forconi'.

Marino, preoccupato per proteste a Roma: 'Rischio violenti. Ma Capitale deve ospitare manifestazioni' Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha detto di essere ''preoccupato'' per la grande manifestazione dei Forconi indetta nella capitale per la prossima settimana. ''E' molto facile che si possano infiltrare persone violente'', ha detto incontrando i giornalisti a New York, sottolineando pero' come la Capitale abbia il dovere di ospitare le manifestazioni di carattere nazionale.

Ventimiglia, lacrimogeni per sbloccare accesso frontiera - Due lacrimogeni sono stati lanciati dalla polizia, intorno alle 9.30, ai piedi dei circa sessanta manifestanti, che verso le 6.30 hanno bloccato l'Aurelia, in frazione Latte, a Ventimiglia (Imperia), impedendo l'accesso alle due frontiere di Ponte san Ludovico e Ponte San Luigi. La Questura tende a precisare che non ci sono state cariche, ma soltanto qualche spintone e che i lacrimogeni sono stati lanciati allo scopo di allontanare i manifestanti (tutti autonomi e non appartenenti ad alcun gruppo organizzato) che saranno tutti identificati e denunciati per manifestazione non autorizzata. Ora, la frontiera verso la Francia e' tornata libera e la circolazione e' stata ripristinata. Letta contro forconi, piccola minoranza, non sono Paese - Il Governo 'spunta' i forconi. "Sono solo una piccola minoranza, non rappresentano il Paese", è l'affondo del premier Enrico Letta. Mentre il vicepremier e ministro dell'Interno, Angelino Alfano annuncia la linea dura: "non avremo remore a reprimere ogni minaccia e intimidazione che dovesse essere espressione di atteggiamenti delinquenziali". Sul fronte dell'opposizione, si registra la marcia indietro di Silvio Berlusconi, che rinvia l'incontro previsto con una delegazione dei dimostranti. E il neosegretario della Lega Nord, Matteo Salvini, dà fuoco alla polveri: "dopo il voto di fiducia di oggi dovrebbero entrare in Parlamento". Giunta al terzo giorno, la protesta, dunque, continua ad infiammare non solo le città, ma anche il Palazzo. In mattinata, alla Camera, Letta punta il dito contro Beppe Grillo, criticando chi "arriva a incitare all'insubordinazione le forze dell' ordine, forze dell'ordine che invece io qui voglio ringraziare davanti a voi e al Paese, per la fedeltà indiscutibile ai valori repubblicani che dimostrano ogni giorno". Nel pomeriggio al Senato, il premier mette nel mirino i 'forconi'. "Quando il Governo deve discutere - spiega - affronta il problema con le categorie economiche di riferimento, con i rappresentanti che rappresentano il 90% di quelle categorie, e si viene a dire che quelli che manifestano rappresentano il Paese, io rispondo che non è vero, si tratta di una piccola minoranza di una categoria economica, è uno stravolgimento delle regole di una democrazia economica". Aggiunge poi che "blandire le minoranze stravolge le regole della democrazia".

Tags:
forconifrontiere
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.