A- A+
Cronache
Schettino cade dalla sedia in tribunale. Risarcito con 140 mila euro

Si chiama Francesco Schettino, proprio come il comandante della Costa Concordia. Ma lui è un giudice del tribunale di Napoli. Il magistrato è caduto da una sedia rotta della camera di consiglio. Ha chiesto un risarcimento: "Mi è venuta un'ernia". E il Tar gli ha dato ragione...

L'omonimo del capitano sotto processo a Grosseto otterrà un assegno da 139mila euro. Come ha scritto il Corriere del Mezzogiorno,  nel 2007, durante una camera di consiglio, il magistrato si sedette su una sedia, che si ruppe all'improvviso, a causa di un danno subito nel corso di un trasloco. Schettino rovinò sul pavimento, rimediando una fastidiosa ernia invalidante. Dopo le cure mediche, il giudice inoltrò domanda di risarcimento. Istanza che ha trovato accoglimento presso il Tar della Campania, che gli ha accordato il maxi rimborso per il danno subito. L’interessato non ha replicato, limitandosi a dire che per lui "parla la sentenza".

Tags:
giudicerisarcimento
in evidenza
Autunno freddo (senza gas) e quindi caldo (come negli anni '70)? Scoprilo alla Piazza di Affari!

La kermesse a Ceglie dal 26 al 28 agosto - Il programma

Autunno freddo (senza gas) e quindi caldo (come negli anni '70)? Scoprilo alla Piazza di Affari!


in vetrina
Scatti d'Affari Scali ferroviari, quasi ultimati i lavori per la stazione Tibaldi a Milano

Scatti d'Affari
Scali ferroviari, quasi ultimati i lavori per la stazione Tibaldi a Milano





casa, immobiliare
motori
Al Monterey Car Week Aston Martin svela la DBR22

Al Monterey Car Week Aston Martin svela la DBR22


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.