A- A+
Cronache
Croazia, in vendita il gulag di Tito. Può diventare un resort per omosessuali

Sull'isola Goli Otok, finirono circa tredicimila persone, comunisti filosovietici e anticomunisti, fino al 1956. Quattrocento persero la vita. L’associazione e gli ex detenuti hanno scritto al governo per chiedere che sia trasformata in un memoriale. Già, perché sull'isola calva era stato allestito il gulag di Tito, che ora potrebbe diventare un resort di lusso per gay e lesbiche.

Il governo croato ha infatti deciso di mettere in vendita lo splendido isolotto (almeno dal punto di vista naturalistico), sul quale finirono comunisti filosovietici e anticomunisti, fino al 1956. L’associazione Goli Otok e gli ex detenuti sono infuriati, sono contrati alla vendita e hanno scritto al governo per chiedere che sia trasformata in un memoriale.

Ma pare proprio che ormai non si possa più tornare indietro. Sono arrivate già parecchie offerte di acquisto per l'ex gulag, con i progetti di ricostruzione e riqualificazione tra i più disparati. E l'ipotesi più accreditata al momento è che il gulag di Tito diventi un resort per omosessuali con il progetto denominato “Goli otok-European Gay Resort Croatia” presentato al competente ufficio dal Forum ecologico-sociale di Fiume in cui si delinea l’Isola calva come una sorta di paradiso per il turismo omosessuale, un target, dicono i proponenti, molto remunerativo per attirare in Croazia una segmento turistico che fin qui ha alquanto snobbato le splendide coste del Paese appena diventato un membro dell’Unione europea.

Tags:
croaziagulagtito
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.