A- A+
Cronache

Una ragazza di 16enne si sarebbe suicidata a causa del rifiuto del padre di pagarle gli studi. E’ successo domenica notte nello stato indiano dell’Uttar Pradesh dove, riferisce il Times of India citando la polizia, la vittima, Pinky, viveva insieme ai suoi fratelli e genitori.

Suo padre, Radhey Lal, commesso in una ditta privata, avrebbe fatto pressione per farle interrompere gli studi per permetterle di aiutare la madre nei lavori domestici, ma la figlia si sarebbe sempre rifiutata. Dopo l’ennesimo litigio, Pinky si sarebbe impiccata in camera sua. A trovare il corpo della ragazza è stata la madre, che ha immediatamente avvertito il marito e trasportato la figlia in un ospedale, ma la ragazzina era già morta. Il corpo sarà sottoposto ad un’autopsia.

Tags:
indiaragazza
in evidenza
Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

"E' il mio corpo, la mia scelta"

Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

Scatti d'Affari
EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories





casa, immobiliare
motori
Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech

Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.