A- A+
Cronache
In India una donna ha il malocchio e si sposa a un cane

Mangli Munda, una giovane ragazza di 18 anni, che vive nello stato indiano di Jharkhand, ha sposato un cane. Incredibile ma vero. Secondo una tradizione ancestrale indiana, chiunque abbia sofferto molto e sia sotto influsso del malocchio, può sposarsi a un cane per rimuoverlo.

E' esattamente quello che è successo a Mangli. Il guru di un piccolo villaggio ha infatti decretato che se la giovane vuole liberarsi di questa sfortuna, la sua famiglia è condannata ad avere eventi orribili.

Quindi è stato sorteggiato un cane che sarà sposato alla donna, e il fortunato vincitore è stato un randagio di nome Sheru. Sarà lui, secondo le credenze, a caricare su di sè tutta la sfortuna che aveva rovinato la vita di Mangli, liberandola.

Tags:
india
in evidenza
Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

Savelletri, Torre Canne e...

Vacanza da sogno per i Ferragnez
In Puglia tra masserie di lusso

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.