A- A+
Cronache
maro prigione india 1

Il braccio di ferro tra Italia e India si fa sempre piu' impegnativo: la Corte Suprema di New Delhi, ha invitato l'ambasciatore italiano, Daniele Mancini, a non lasciare il Paese. Il giudice ha chiesto al diplomatico di non lasciare il Paese fino a nuovo ordine; e ha anche invitato il governo italiano (e dunque l'ambasciatore) a dare una spiegazione sui fatti entro il 18 marzo.

Nelle ultime ore si erano susseguite le voci sulle azioni che il governo indiano aveva intenzione di intraprendere, ed era circolata l'ipotesi non solo dell'espulsione del diplomatico italiano, ma anche di non riconoscergli l'immunita' diplomatica.

Proprio a proposito dell'immunita' diplomatica di mancini, secondo la stampa locale, ci sono opinioni diverse in seno al governo indiano; giovedi' il ministro degli Esteri, Salman Kurshid ha incontrato il premier, Manmohan Singh, nella sua residenza per discutere della questione.

Era stato il Procuratore Generale G E Vahanvati a portare la questione dinanzi ai giudici - il Chief Justice, Altamas Kabir, insieme ai colleghi, AR Dave e Vikramajit Sen - sostenendo che, il mancato ritorno dei maro', era stata "una violazione dell'impegno assunto dinanzi all'Alta Corte" e rilevando "che il governo e' estremamente preoccupato". Anche il leader del partito d'opposizione, Janata Patry, Subramanian Swamy, aveva chiesto un'azione contro l'ambasciatore italiano per oltraggio alla Corte. La decisione e' definita "storica" dalla stampa indiana che segue con grande rilievo la vicenda dei due maro', Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, a cui i giudici avevano concesso di rimpatriare per il voto, dopo che l'ambasciatore Mancini aveva assicurato che sarebbero tornati indietro, e che invece sono rimasti in Italia.

FONTE MINISTERO ESTERI INDIA, MANCINI GODE DI IMMUNITA' - Una fonte del ministero degli Esteri indiano ha ammesso che New Delhi non puo' obbligare Daniele Mancini, l'ambasciatore italiano in India, a rimanere nel Paese, perche' questo contravverrebbe alla Convenzione di Vienna che garantisce ai diplomatici piena liberta' di movimento. "Spetta all'ambasciatore italiano decidere", ha detto il funzionario, rimasto anonimo. "E' chiaro che gode dell'immunita' diplomatica in base alla Convenzione di Vienna. Non abbiamo il diritto di limitare i sui movimenti". Stamane la Corte Suprema di New Delhi ha invitato l'ambasciatore italiano a non lasciare il Paese. Il giudice ha chiesto al diplomatico -che a nome dell'Italia firmo' l'impegno al ritorno in India dei due maro', Massimiliano Latorre e Salvatore Girone- di non lasciare il Paese fino a nuovo ordine

Tags:
indiamaròitaliapescatori
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

Scatti d'Affari
EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories





casa, immobiliare
motori
 Spoticar lancia la phygital experience

 Spoticar lancia la phygital experience


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.