A- A+
Cronache

Sono stati tutti giudicati colpevoli i quattro accusati dello stupro di una studentessa di 23 anni in un autobus a New Delhi il 16 dicembre. La giovane mori' due settimane dopo in un ospedale a Singapore a causa delle ferite riportate. Lo hanno deciso i giudici di una corte speciale indiana dopo un processo durato sette mesi. Le motivazioni della sentenza saranno depositate in seguito. Le persone accusate erano sei. Uno si suicido' in carcere, mentre un altro, l'unico minorenne, e' gia' stato condannato a tre anni di reclusione in un carcere minorile.

I quattro imputati rischiano la condanna a morte. Mukesh Singh, Akshay Thakur, Pawan Gupta e Vinay Sharma si erano dichiarati innocenti, respingendo le accuse di omicidio, stupro di gruppo e furto. "Il mio assistito stava semplicemnete guidando l'autobus e non si era accorto di quello che accadeva", ha affermato il legale di Mukesh Singh. "Vediamo quale sara' la condanna, ricorreremo all'Alta Corte", ha aggiunto. Anche il legale di Akshay Thakur e Vinay Sharma ha preannunciato ricorso. "E' una condanna politica", ha affermato. Durissimo il padre della ragazza che in un'intervista diffusa la scorsa settimana ha avvertito: "Non accetteremo condanne diverse dalla pena di morte

Tags:
abusiindiacondanne
in evidenza
Nargi, che sirena al tramonto L'ex velina infiamma Instagram

Un'estate bollente- FOTO

Nargi, che sirena al tramonto
L'ex velina infiamma Instagram


in vetrina
LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici

LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.