A- A+
Cronache
Infermiera killer attraverso FB: supporto a Grillo, agli animali e ai bambini
(Foto Facebook)

La vicenda di Leonardo Cazzaniga (60) medico “amante della letteratura greca” (non poteva mancare) e dell’infermiera Laura Taroni (40) di Saronno è agghiacciante, di quelle che provocano i peggiori istinti populisti tra l’opinione pubblica.
La coppia di amanti diabolici eliminava, questa l’accusa, i pazienti con cocktail letali.
Non solo. La donna avrebbe eliminato il marito, il suocero, la madre e progettato addirittura di fare fuori i figli.
Per la nonna invece ci sono problemi, “non vuole essere cremata. Non abbiamo più neanche i maiali”.
La procura indaga anche i colleghi del medico per omessa denuncia e favoreggiamento.
In genere si utilizza, in questi casi, il condizionale ma le intercettazioni telefoniche lasciano purtroppo ben poco possibilità di interpretazione.
La “signora” intercettata diceva a suo figlio:
“Io ogni tanto ho questa voglia di uccidere qualcuno. Tu somigli a tuo padre e ti ammazzerò”.
Una storia terribile di deliri e impunità -il medico soleva ripetere “io sono dio”- per cui la pubblica opinione richiede il ritorno della pena capitale.
Premesso che non voglio fare alcuna speculazione né politica né umana voglio però portare all’attenzione dei lettori aspetti ancora non trattati giornalisticamente e questo grazie a quell’enorme contenitore di fatti che sono oggi i social network ed in particolare FaceBook.
Questo strumento ci permette di “conoscere” l’apparente normalità di una assassina psicopatica.
Il profilo della Taroni è ancora attivo e scorrendolo ci si può fare una interessante idea della psicologia dell’assassina seriale.
Intanto ecco come si presenta su FB:

infermiera killer (1)(Foto Facebook)
 

Cagnone d’ordinanza e -nell’immagine piccola- immagine tenerella con l’altro assassino, l’amante.
Quello che emerge è il solito profilo dedicato agli animali e addirittura ai bambini, segnali francamente di una umanità perduta, di un odio viscerale per i propri simili, di una attitudine criminale congenita.
Il profilo è infestato di richiami a giochini ed applicazioni dall’esemplificativo titolo “criminal case” come l’ultimo postato solo ieri:

infermiera killer (2)(Foto Facebook)
 

Segue l’appello di sensibilità animale sui canili  e bimbi stuprati e relativi commenti:

 

infermiera killer (3)(Foto Facebook)
 

infermiera killer (4)(Foto Facebook)
 

Scorrendo il profilo ci si fa l’idea di una personalità asociale che fa dell’antipolitica il suo cavallo di battaglia fino ad appoggiare più volte esplicitamente il Movimento Cinque Stelle:

infermiera killer (5)(Foto Facebook)
 

I commenti degli altri utenti sono significativi e rivelano che il limite della tolleranza sociale è stato ampiamente superato e che queste persone che sembrano normali ed anzi dotate di una apparente sensibilità verso gli “indifesi” come bambini ed animali sono in realtà l’esatto contrario e proprio queste fanatiche aperture possono essere una valida spia per capire la loro personalità contorta e deviata.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
infermiera killerinfermiera killer saronnoinfermiera killer facebook
in evidenza
Neve e gelo all'assalto dell'Italia Le previsioni sono da brivido

Meteo, offensiva siberiana

Neve e gelo all'assalto dell'Italia
Le previsioni sono da brivido

i più visti
in vetrina
Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!

Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!





casa, immobiliare
motori
Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.