A- A+
Cronache

 

Ha schiavizzato la fidanzata costringendola a rapporti sessuali non protetti. In questo modo le avrebbe trasmesso il virus dell’Aids.  Per le accuse di maltrattamenti e lesioni personali gravissime, il Tribunale di Ancona ha condannato un ex infermiere di 51 anni a sei anni e tre mesi di carcere. L’uomo dovrà risarcire la donna, che ha chiesto 500 mila euro, con una somma da quantificare in sede civile.

Secondo quanto emerso, pare che la ragazza sapesse che l’infermiere era sieropositivo ma lui l’avrebbe costretta ad avere rapporti a rischio, sostenendo che non vi sarebbero stati pericoli di contagio. Nel 2007, partorendo la loro bambina, che ora ha cinque anni e mezzo, la donna scoprì di aver contratto l’Hiv.

La bimba fortunatamente è sana. La difesa dell’ imputato, che ora vive all’estero, ha sostenuto che vi furono solo litigi isolati e che la donna, consapevole del rischio, voleva avere un figlio ad ogni costo

Tags:
hivinfezioneschiavitùancona
in evidenza
Blasi, fuga romantica in Trentino È giallo sull'accompagnatore

Ilary in vacanza sui monti- FOTO

Blasi, fuga romantica in Trentino
È giallo sull'accompagnatore


in vetrina
ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders

ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders





casa, immobiliare
motori
Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto

Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.