A- A+
Cronache

Restera' detenuto nel carcere di Regina Coeli Nunzio Scarano, l'ex responsabile della contabilita' dell'amministrazione del patrimonio della sede apostolica (Apsa), arrestato il 28 giugno scorso per il reato di corruzione in concorso per aver tentato di far rientrare in Italia 20 milioni di euro dalla Svizzera. Lo ha deciso il gip del tribunale di Roma, Barbara Callari, che ha respinto l'istanza presentata dai difensori del presule, gli avvocati Francesco Caroleo Grimaldi e Silverio Sica.

Scarano era finito in carcere venerdi' scorso assieme all'ex 007 dell'Aisi, Giovanni Zito, e al broker finanziario, Giovanni Carenzio. Secondo l'accusa, i tre avrebbero tentato di portare 20 milioni dalla Svizzera all'Italia per fare un favore agli armatori D'Amico. I difensori di monsignor Nunzio Scarano hanno annunciato che chiederanno una revoca della misura cautelare per il loro assistito al tribunale della liberta'.

Tags:
iorcarceremonsignornunzio scarano
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.