BANNER

Si chiama terapia elettroconvulsivante ma, secondo alcuni, sarebbe molto simile ad un elettroshock. Ecco la testimonianza di una persona che è stata sottoposta a questo trattamento: "Sbavavo, non riuscivo a ricordare chi ero". E poi: "Quando ho aperto gli occhi ero un’altra persona". Questo trattamento consiste nell’applicare due elettrodi sulla nuca che provocherebbero una fortissima convulsione.

Già nel 2012 la Commissione parlamentare d’inchiesta sul Servizio sanitario nazionale, presieduta da Ignazio Marino, aveva sottolineato che a ricorrere all’elettroshock sono “91 strutture ospedaliere” dell’intero territorio nazionale, “14 solo in Sicilia”.

Dal 2008 al 2010, il triennio preso in esame dalla Commissione d’inchiesta, sono state 1400 le persone sottoposte a “Tec”, terapia elettro convulsivante, la maniera più articolata in cui viene chiamata la pratica di applicare elettrodi in testa. Sulla base delle indicazioni del ministero della Salute, la Commissione ha reso note le strutture ospedaliere sia pubbliche che private che ne fanno uso. Colpiscono, in particolare, i dati dell’Ospedale civile di Montichiari, in provincia di Brescia.

2013-12-02T09:57:10.27+01:002013-12-02T09:57:00+01:00truetrue956116falsefalse4Cronache/cronache413097189572013-12-02T09:57:10.35+01:009572013-12-02T11:45:22.53+01:000/cronache/italia-ancora-elettroshock-ricoveri021213false2013-12-02T10:13:51.237+01:00309718it-IT102013-12-02T09:57:00"] }
A- A+
Cronache

 

elettroshock 500

BANNER

Si chiama terapia elettroconvulsivante ma, secondo alcuni, sarebbe molto simile ad un elettroshock. Ecco la testimonianza di una persona che è stata sottoposta a questo trattamento: "Sbavavo, non riuscivo a ricordare chi ero". E poi: "Quando ho aperto gli occhi ero un’altra persona". Questo trattamento consiste nell’applicare due elettrodi sulla nuca che provocherebbero una fortissima convulsione.

Già nel 2012 la Commissione parlamentare d’inchiesta sul Servizio sanitario nazionale, presieduta da Ignazio Marino, aveva sottolineato che a ricorrere all’elettroshock sono “91 strutture ospedaliere” dell’intero territorio nazionale, “14 solo in Sicilia”.

Dal 2008 al 2010, il triennio preso in esame dalla Commissione d’inchiesta, sono state 1400 le persone sottoposte a “Tec”, terapia elettro convulsivante, la maniera più articolata in cui viene chiamata la pratica di applicare elettrodi in testa. Sulla base delle indicazioni del ministero della Salute, la Commissione ha reso note le strutture ospedaliere sia pubbliche che private che ne fanno uso. Colpiscono, in particolare, i dati dell’Ospedale civile di Montichiari, in provincia di Brescia.

Tags:
italiaelettroshocksalute
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Ford Bronco sbarca in Europa

Ford Bronco sbarca in Europa


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.