A- A+
Cronache

Gravissimo che magistrato di sorveglianza e direttore del carcere non sapessero che stavano mettendo in libertà un serial-killer definito molto pericoloso dalle forze dell'ordine. Questo è il modus operandi con cui si intende liberare le persone che usciranno grazie agli ultimi ddl svuota carceri? Come fa Alfano a dire che non c'è pericolo per i cittadini? Credo che sia ora di parlare seriamente di responsabilità civile dei magistrati. La vicenda di Angelo Izzo dovrebbe avere insegnato qualcosa.

Se il serial-killer ucciderà ancora di chi è la responsabilità? Dello Stato. L'uomo aveva già tentato di evadere in passato ed è quello che possiamo definire un delinquente per tendenza. Inammissibile che direttore del carcere e magistrato di sorveglianza non ne sapessero nulla. Se è così allora c'è qualcosa nel meccanismo che non va e che va immediatamente revisionato. L'uomo è semi-infermo di mente eppure poteva muoversi liberamente senza alcun controllo. E' come lanciare una bomba tra la folla.

Barbara Benedettelli

Responsabile Nazionale Area tutela Vittime per Fratelli d'Italia

Tags:
killermagistrati
in evidenza
Il direttore Perrino su Isoradio Affari commenta le elezioni 2022

Ospite de "Il sorpasso" di Monica Setta

Il direttore Perrino su Isoradio
Affari commenta le elezioni 2022


in vetrina
SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain

SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain





motori
Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.