A- A+
Cronache

Gravissimo che magistrato di sorveglianza e direttore del carcere non sapessero che stavano mettendo in libertà un serial-killer definito molto pericoloso dalle forze dell'ordine. Questo è il modus operandi con cui si intende liberare le persone che usciranno grazie agli ultimi ddl svuota carceri? Come fa Alfano a dire che non c'è pericolo per i cittadini? Credo che sia ora di parlare seriamente di responsabilità civile dei magistrati. La vicenda di Angelo Izzo dovrebbe avere insegnato qualcosa.

Se il serial-killer ucciderà ancora di chi è la responsabilità? Dello Stato. L'uomo aveva già tentato di evadere in passato ed è quello che possiamo definire un delinquente per tendenza. Inammissibile che direttore del carcere e magistrato di sorveglianza non ne sapessero nulla. Se è così allora c'è qualcosa nel meccanismo che non va e che va immediatamente revisionato. L'uomo è semi-infermo di mente eppure poteva muoversi liberamente senza alcun controllo. E' come lanciare una bomba tra la folla.

Barbara Benedettelli

Responsabile Nazionale Area tutela Vittime per Fratelli d'Italia

Tags:
killermagistrati
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.