A- A+
Cronache

di Antonino D'Anna

papa francesco 500 (4)

C'è un antico adagio vaticano, tramandatosi negli anni, che dice più o meno così: se nella Chiesa i soldi fossero usati solo per fare delle opere di bene, tante cose non succederebbero. È un principio caro all'attuale presidente, Ernst von Freyberg, il quale dice a Radio Vaticana (lo ha fatto il 31 maggio scorso) che: “Il mio sogno è molto chiaro: il mio sogno è che la nostra reputazione sia tale che la gente non pensi più tanto a noi; che quando la gente pensa “Vaticano”, non pensi più 'Ior' ma ascolti le parole del Papa”. Del resto, il messaggio venuto da Jorge Mario Bergoglio proprio verso il torrione di San Damaso sede dello IOR, è stato molto chiaro: è utile, ma non indispensabile. Il che però non vuol dire che la Chiesa debba vivere di elemosina, come certi interpreti lasciano suggerire.

La Chiesa e i soldi hanno sempre avuto un rapporto molto contrastato. Dal “non potete servire Dio e Mammona” pronunciato da Gesù nel Vangelo, a San Francesco che si spoglia di tutto passando per Papi mecenati e scandali finanziari all'ombra del Cupolone di Karol Wojtyla (i rampanti anni '80 del crack dell'Ambrosiano). Eppure i soldi servono, e per fare del bene ne servono tanti. Una che di bene se ne intendeva e tanto, Madre Teresa di Calcutta, era solita dire: “Non m'interessa da dove vengono, ma m'interessa dove vanno”, purché quel denaro fosse usato per ultimi e deboli.

Questo Papa è stato udito sospirare: “Ah, come vorrei una Chiesa povera!”. Da tre mesi sta dicendo e ripetendo che la Chiesa o è povera e serva del Signore che annuncia, oppure è solo una caritatevole ONG ma niente di diverso rispetto alle tante ONG del pianeta. Ha condannato il carrierismo e oggi – accanto all'ennesimo richiamo alla povertà – ha invitato la Chiesa a non cedere alla tentazione del proselitismo in nome dell'annuncio. Se qualcuno volesse un manifesto del pontificato, non ha che da guardare a questi quasi 90 giorni di papato bergogliano.

I soldi, i soldi, i soldi. Ricorda con ironia maliziosa un proverbio siciliano: “Disse il prete alla badessa: senza soldi non si canta Messa”. Se fosse per Bergoglio le Messe cantate sarebbero due, e probabilmente il prete affarista sarebbe cacciato fuori dalla Chiesa. Ma il messaggio di Francesco non è un semplice pauperismo tre palle un soldo, un povero-è-bello-perché-sa-di-Paradiso: Francesco sembra accennare ad una povertà morale che non è solo quella della Chiesa, non è solo necessaria al Vaticano. Nelle parole del Papa c'è quell'umanità “sazia e disperata” che Paolo VI ha ritratto con lucida precisione nella “Populorum Progressio” del 1967. È anche all'Occidente che parla il Papa: forse un po' di digiuno (economico e non solo) aiuterebbe questa tormentata parte del pianeta a recuperare la sua strada.

Tags:
chiesasoldibergoglio
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO





casa, immobiliare
motori
Mercedes: il futuro è completamente elettrico

Mercedes: il futuro è completamente elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.